Rotary per il "Sorriso dei bambini", realizzato uno studio dentistico in Romania | | Password Magazine
Banner4Baffi

Rotary per il “Sorriso dei bambini”, realizzato uno studio dentistico in Romania

I quattro presidenti del Club Rotary aderenti al progetto insieme al dott. Vecchi (a destra)

JESI – Si chiama Il Sorriso dei Bambini ed è il progetto, ispirato dai valori della solidarietà e dalla fratellanza, condiviso dai Rotary Club di Ancona Conero, Jesi, Macerata Matteo Ricci, Urbino e Atheneum Bucarest (Romania)  al centro del conviviale interclub svoltosi martedì sera all’Hotel Federico II.

“Una serata importante, occasione per celebrare un importante risultato raggiunto:la realizzazione di uno studio dentistico a Rovinari, in Romania, per la prevenzione del cavo orale dei bambini” ha detto il presidente del Rotary Club Jesi Egiziano Iencinella, affiancato dagli altri tre presidenti marchigiani Silvana Lisi, RC Macerata Matteo Ricci, Danilo Pazzaglini, RC Urbino, Giovanni Venturi, RC Ancona Conero, unitamente a Victor Martin, past president del Rotary  Atheneum Bucarest, Distretto Romania- Moldavia. 

L’operazione è stata resa possibile grazie alla sinergia dei quattro club rotariani che, mossi dalla volontà del dottor odontoiatra Stefano Vecchi di devolvere a qualche opera umanitaria le proprie attrezzature e strumentazioni dentistiche non più in uso ma comunque funzionanti e in buono stato, hanno individuato i possibili destinatari nei 600 bambini del collegio di Tatarescu, a Rovinari, Romania, una cittadina immersa in una landa a 320 chilometri da Bucarest e che conta solo due laboratori dentistici per la popolazione locale ovvero uno ogni 150 mila abitanti.

Preziosa la partnership del Rotary Atheneum Bucarest che si è attivato immediatamente per richiedere la collaborazione del sindaco di Rovinari nell’attivazione delle procedure burocratiche utili al trasferimento delle attrezzatture.

A giugno, l’inaugurazione del nuovo studio odontoiatrico all’interno del Collegio di Tatarescu e, a ottobre, viene ricevuto il primo piccolo paziente. Il successo dell’iniziativa è dovuto non solo all’impegno economico dei quattro Club rotariani – circa 500 euro a sezione a copertura delle spese di trasferimento delle strumentazioni – ma anche al contributo umano dei soci e in particolare di Gabrio Filonzi, Andrea Paolinelli, Paolo Agostinacchio e Stefano Tucci, che, insieme al dott. Vecchi, hanno messo cuore, pazienza e dedizione nel centrare l’obiettivo.

Durante la serata di martedì riconoscimenti anche per loro, dopo la consegna del Paul Harris al medico odontoiatra dott. Stefano Vecchi, insignito dell’onoreficienza rotariana.

Nuovi sviluppi del progetto “Il Sorriso” sono già l’orizzonte: il dott. Giuseppe Lattanzi, odontoiatria e  socio rotariano di Ancona, ha già fatto sapere che seguirà le orme del collega e che, con il Club, valuterà la località dove effettuare la donazione delle proprie strutture. In cima alla lista, c’è già un orfanotrofio nelle prossimità di Bucarest.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.