Ruba il cellulare all'amico e lo minaccia con un coltello: 1000 euro per il riscatto | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ruba il cellulare all'amico e lo minaccia con un coltello: 1000 euro per il riscatto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  La storia inizia verso la metà di novembre di quest’anno, quando un giovane di Riccione, un commerciante di 37 anni, allaccia un’amicizia via internet con un nigeriano senza fissa dimora, incominciando così a frequentarsi anche di persona e a bazzicare in un locale della Vallesina.

L’italiano, che da poco aveva acquistato un iphone del valore di 1.100 euro, la sera del 28 novembre si dà nuovamente appuntamento con il nigeriano. Costui, dopo una serata trascorsa insieme, accortosi del nuovo cellulare, glielo ruba e gli chiede 1.000 euro di riscatto per la restituzione dell’apparecchio.

L’extracomunitario non si limita a chiedergli il denaro ma, sotto la minaccia di un coltello, lo costringe ad effettuare alcuni prelievi presso alcuni sportelli bancomat.

La vittima, ritornata a Riccione, denuncia tutto ai Carabinieri del luogo, i quali informano immediatamente la Stazione di Jesi circa quanto accaduto.

Vengono così avviate le indagini e, dalle telecamere installate presso le Banche, si accerta non solo la veridicità dei fatti ma anche l’identità del soggetto: i militari agli ordini del Luogotenente Fiorello Rossi identificano l’estorsore in un nigeriano di 23 anni – I. O. le iniziali – senza fissa dimora e già noto alle Forze dell’Ordine per precedenti reati.

Nella mattinata di ieri, l’estorsore chiama di nuovo la vittima, costringendola a venire a Jesi con la falsa promessa della restituzione del telefono.

Viene così predisposto un servizio di pedinamento a cura della Stazione dei Carabinieri di Jesi, capeggiato dallo stesso Comandante, nel corso del quale i militari, dopo aver ripreso l’incontro, bloccano il nigeriano nei pressi di Porta Valle. Come previsto,il soggetto non aveva con se’ il cellulare.

Viene condotto così in caserma e stante la sua pericolosità, la gravità del fatto ed il pericolo di fuga viene sottoposto a fermo di indiziato di delitto per il reato di estorsione e, dopo  le formalità di rito,  associato alla Casa Circondariale di Ancona, a disposizione della PM di turno, Dott.ssa Irene Bilotta.

Il telefonino, a seguito di immediati accertamenti svolti, invece, è stato trovato nella disponibilità di un altro nigeriano residente a Monsano – A.K.- di 21 anni, il quale è stato denunciato per ricettazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.