Ruba machete e semina il panico in città, ferito anche il comandante dei carabinieri Epifani | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ruba machete e semina il panico in città, ferito anche il comandante dei carabinieri Epifani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo aver infranto la vetrina di un arrotino, ha rubato dei coltelli di tipo machete e ha seminato il terrore per tutta la città: per fermarlo, le forze dell’ordine hanno dovuto sparargli ad un piede. Scene di puro terrore ieri sera poco prima delle 20 a Jesi, alla galleria ex Sima, nel centro commerciale Il Torrione, quando, intorno alle 19.30 un giovane cittadino nigeriano di 26 anni, pregiudicato e già arrestato la scorsa settimana, ha sfondato la vetrina dell’arrotino di via Colocci, procurandosi armi letali e ha cominciato la sua folla corsa, durata in tutto più di un’ora.

Diverse persone attorniate da polizia, carabinieri e vigili urbani, sono rimaste impietrite, altre si sono barricate in preda al terrore all’interno nei negozi o chiusi in macchina.Esplosi anche alcuni colpi di arma da fuoco, uno dei quali ha raggiunto di striscio ad una gamba l’aggressore. 

Il 26enne ha poi raggiunto la chiesa di San Pietro all’interno delle mura di Porta Valle e si è chiuso dentro.

E’ rimasto ferito al fianco sinistro – fortunatamente in maniera lieve – il comandante dei carabinieri di Jesi, il capitano Mauro Epifani, mentre cercava di bloccare il giovane. Il capitano si era avvicinato all’uomo, nel portico della chiesa, accompagnato anche dalla madre del giovane, che ha aiutato le forze dell’ordine nel tentativo di fermare l’uomo, ma è stato colpito di striscio da un colpo di machete.
Il nigeriano ha ripreso quindi la sua fuga, terminata solo alle 20 45, non prima che riuscisse però anche a danneggiare due auto di servizio dei Carabinieri.

Il ragazzo non ha fornito alcuna spiegazione coerente dell’accaduto, e non si esclude naturalmente possa essersi trovato sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.