S. Paolo di Jesi, Radicioni (Impegnati per San Paolo): "Comune vicino al dissesto finanziario" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

S. Paolo di Jesi, Radicioni (Impegnati per San Paolo): "Comune vicino al dissesto finanziario"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
SAN PAOLO DI JESI  – Di seguito un comunicato stampa di “ImpegnaTi per San Paolo”:
In un periodo di particolari tensioni e paura per le continue scosse di terremoto, un terremoto ulteriore si abbatte sul Comune di San Paolo di Jesi, ma questo di natura finanziaria. Con soli due giorni di preavviso il sindaco Barcaglioni ha convocato una riunione dei capogruppo sabato 29 ottobre.

Allegato alla convocazione un decreto della Regione Marche, n. 362/AIA del 21 precedente, con cui è stato revocato il contributo a suo tempo concesso al Comune di San Paolo, nel 2006, per la realizzazione del Polo tecnologico e si chiede la restituzione dello stesso con gli interessi, per un importo di oltre 486 mila euro, entro 60 giorni, pena, in caso contrario, il recupero coattivo.

Una simile somma è tale da devastare per anni il bilancio di un Comune piccolo come San Paolo e da portare al suo sicuro dissesto finanziario.

Leggendo il decreto regionale si evince che, su segnalazione della Guardia di Finanza, Polizia Tributaria di Ancona, gli uffici regionali si sono attivati già dal 2015 per verificare una possibile indebita percezione di contributi pubblici, costituendo un gruppo di lavoro che, a ottobre 2015, è arrivato a ritenere “all’unanimità che sussistano i presupposti per l’avvio del procedimento di revoca a suo tempo concesso al Comune di San Paolo di Jesi“.

Dal verbali del gruppo di lavoro emerge anche che esistono diverse “criticità” nel finanziamento, e che la maggiore “risiede nell’aver ammesso a contributo un progetto che non può qualificarsi come esecutivo, come invece richiesto dal bando“.

Sempre dalla lettura del decreto emerge che i partecipanti al gruppo di lavoro ritengono “altresì fondate le eccezioni della Guardia di Finanza in merito alla proroga del termine per la consegna dei lavori e alla perizia di variante“.

L’avvio del procedimento di revoca è stato comunicato fin dal 1 febbraio 2016 al Comune di San Paolo che già il 9 febbraio successivo ha chiesto e ottenuto una riunione in Regione sulla questione, non si sa ancora oggi con quali partecipanti! In quella sede ha chiesto ed ottenuto copia degli atti.

Il 18 maggio successivo, con una nota ufficiale e protocollata, il Comune di San Paolo ha addirittura richiesto una proroga sul termine per la conclusione del procedimento e il 13 giugno, con un’altra lettera ufficiale protocollata, ha depositato le sue controdeduzioni.
Secondo la Regione, dall’esame della documentazione presentata dal Comune “l’unico elemento di novità è rappresentato dalla dichiarazione del sindaco circa l’archiviazione dei procedimenti penali aperti a carico di alcuni funzionari della Regione Marche e del sindaco stesso per il reato di cui all’articolo 323 codice penale”.

Sorvolando per adesso sulle numerose criticità più volte contestate in merito alla realizzazione del Polo tecnologico e soprattutto al suo mancato utilizzo per le finalità per cui era stato progettato e si era ottenuto il contributo, la cosa grave oggi è che il Comune e il sindaco Barcaglioni già il 1° febbraio di quest’anno avevano avuto notifica dell’avvio del procedimento di revoca del contributo e lo hanno tenuto rigorosamente nascosto non solo alla cittadinanza, ma anche al consiglio comunale o quanto meno alla sua minoranza, nello stesso momento in cui partecipavano al procedimento ufficiale in contraddittorio in Regione e trasmettevano alla stessa Regione documentazione e controdeduzioni senza essersi confrontati con nessuno e senza avere avvisato del pericolo che le finanze del Comune potevano correre.
Solo a cose fatte e a disastro già compiuto, il sindaco ha cercato di coinvolgere il capogruppo dell’opposizione in consiglio comunale!

Nella riunione di sabato 29 ottobre, alla contestazione di questa tardiva comunicazione il sindaco Barcaglioni ha avuto addirittura l’impudenza di affermare che si era trattato di “un semplice scambio di comunicazioni tra l’ente e la Regione” invece che di un vero e proprio procedimento “in contraddittorio”!

Quello che lascia esterrefatti è l’enorme leggerezza con cui è stata affrontata tutta la situazione, addirittura l’Amministrazione si ritiene parte lesa!
Secondo tale tesi, ai tempi della presentazione della domanda per concorrere al bando il progetto della realizzazione del Polo Tecnologico prevedeva che lo stesso doveva realizzarsi ristrutturando una vecchia casa colonica diroccata di proprietà della ditta “Scappia 2000” per un importo di circa 1.610.000. €.

Ma poiché il contributo riconoscibile dalla Regione era ridotto drasticamente a 610.000 €, il Comune aveva comunicato, a dire del sindaco, di abbandonare l’intenzione di realizzare il progetto e, sempre a dire dello stesso, nonostante la rinuncia del Comune di San Paolo, formalmente espressa, la Regione avrebbe proceduto ugualmente ad inserirlo in graduatoria, pure in assenza di requisiti sostanziali.
Situazione paradossale, irreale e non credibile, basti solo pensare non solo che il contributo è stato tutto incassato, ma soprattutto che a distanza di pochi giorni dalla presentazione del primo progetto se ne è presentato in Regione un secondo che rientrava invece nei limiti di spesa e prevedeva di realizzare il tutto in un immobile da costruire ex novo su una superficie che, destinata originariamente a verde pubblico, aveva addirittura richiesto una variante al piano regolatore per poter essere utilizzata!

Solo ora che le strade da percorrere sembrano ridotte al minimo (il decreto della Regione è esecutivo) e di difficile praticabilità, la maggioranza ci chiede di collaborare per affrontare uniti il grave problema che, visto la mancanza di disponibilità da parte del Comune dell’ingente somma, potrebbe portare al dissesto finanziario, con gravi ripercussioni sui cittadini in termini di aumento dei tributi a fronte di una riduzione di servizi erogati.

Noi riteniamo che il sindaco e la sua Giunta siano gli unici responsabili della gestione e della soluzione del problema e che avrebbero dovuto allertarsi nel mese di febbraio e da subito informare l’intero Consiglio Comunale ora l’unica speranza per scongiurare nell’immediato il dissesto finanziario è un ricorso al TAR che, oltre tutto, potrà essere accolto?
E, comunque, già da ora, graverebbe ulteriormente sulle disastrate casse comunali, dovendosi nell’immediato stanziare ulteriori fondi per poter incaricare un legale che lo predisponga.
Al momento, vista anche la complessità della vicenda, vogliamo, prima di assumere qualsiasi posizione, consultare ed esaminare i documenti in possesso del Comune (che, a dire del geometra comunale, ammontano, per ora, a ben 9 faldoni!), in modo da avere una chiara visione di tutta la questione e poter anche informare correttamente i cittadini che volessero delucidazioni.

Come gruppo di minoranza cercheremo di fare chiarezza su questa complessa situazione e continueremo a vigilare sull’operato della maggioranza, evidenziando le responsabilità dei singoli amministratori che dovranno farsi carico di eventuali debiti di bilancio, qualora siano ravvisate responsabilità in merito.
Sarà nostra premura inoltre, chiedere al sindaco incontri pubblici per tenere informata la cittadinanza sull’evolversi della vicenda.
Ribadiamo che questo tentativo del sindaco di voler tenere fino all’ultimo tutti all’oscuro di fatti così importanti è veramente grave, visto che le conseguenze andranno inesorabilmente a ripercuotersi sulle tasche dei cittadini sampaolesi.

 

Comunicato : da Daniela Radicioni
Capogruppo lista “ImpegnaTi per San Paolo”


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.