Sabato al voto su biodigestore, le forze d’opposizione: «Consiglio comunale da rinviare».

JESI – «Consiglio comunale sul biodigestore da rimandare a settembre». Come per lo statuto, le forze politiche d’opposizione si schierano per la seconda volta unite contro la maggioranza e il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, dopo il comunicato rinvio a sabato 3 agosto della seduta consiliare precedentemente fissata per il 31 luglio. A monte, c’è ritardo di consegna dell’atto di indirizzo, non depositato nei termini previsti: un atto definito dal presidente Massaccesi “urgente”, al punto da riconvocare immediatamente la seduta per sabato anziché rimandare alla prossima settimana come previsto ordinariamente dal regolamento. È quanto affermano i gruppi consiliari di Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra, Partito Democratico, Forza Italia, Insieme Civico e Movimento 5 Stelle che nei fatti riscontrano la volontà politica della maggioranza di «accelerare» sulla questione del biodigestore.

«Tutte le forze di opposizione non condividono la scelta del presidente Massaccesi di rimandare a sabato la seduta,  basando la decisione su motivazioni che non sono tecniche ma politiche – spiega Francesco Coltorti, capogruppo di Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra -. All’ultimo momento, ci viene chiesto di valutare un atto di indirizzo che è diverso da quello noto sin dall’indirizzo. Un comportamento che a nostro avviso manca di rispetto non solo a noi consiglieri di minoranza ma anche alla cittadinanza, in quanto non ci sarebbe neanche più il tempo per illustrare le novità in un’assemblea pubblica. Tutto questo è incoerente con la seduta aperta sul biodigestore di giovedì 25 luglio».

Nell’atto che la maggioranza si appresta ad approvare, le novità mai discusse riguardano la possibile nuova localizzazione dell’impianto di trattamento, che potrebbe ricadere in una zona di Jesi diversa dalla Coppetella, e la gestione affidata ad un privato-privato che avrà il 51% delle quote della società che verrà costituita ad hoc: «Vorremmo capire perché è stata proclamata l’urgenza, possibile solo per gli atti indilazionabili come votare una delibera in scadenza  – ribadisce la consigliera Agnese Santarelli,  Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra -. In mancanza dei presupposti, valuteremo se impugnare questa convocazione. Inoltre, finora è stato preso in considerazione uno studio di fattibilità dell’impianto costruito sulla Coppettella: un cambio di localizzazione annullerebbe tutto quanto è stato ad oggi discusso e valutato». Indignata anche Claudia Lancioni del Movimento 5 Stelle: «I tempi sono troppo stretti per studiare la pratica di nuovo e in modo approfondito, come meriterebbe. Non è poi questo il periodo giusto per trattare la questione: siamo in piena estate, i cittadini in ferie non possono partecipare né siamo convinti che abbiano ben compreso la situazione».

«Vergognosa la scelta del presidente Daniele Massaccesi» tuona Insieme Civico che annuncia l’assenza del consigliere Marco Giampaoletti al consiglio straordinario per motivi di lavoro.

Per Osvaldo Pirani, capogruppo del PD, «la questione va ridiscussa in un’apposita convocazione prima di tornare in Consiglio». Anche perché è emersa la nuova ipotesi di realizzazione di un ulteriore biodigestore anche a Montemarciano: «Possibile che l’Amministrazione  comunale non ne sapesse nulla?» si chiedono le minoranze. Oltre a quelli di Ostra e di Jesi, quest’ultimo definito ad ambito provinciale, quello da realizzare a Montemarciano sarebbe il terzo nell’anconetano: «Insomma…quanti biodigestori ‘unici’ per i rifiuti organici della Provincia questo territorio deve ospitare?Vista la complessità e l’importanza della discussione, il rinvio a settembre sarebbe la scelta più saggia».

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*