Banner Aprile IH Victoria

Sabato l’inaugurazione del Centro Azzeruolo, orgoglio per la città di Jesi

JESI – Un successo dopo l’altro per il comune di Jesi sul fronte sociale: il centro Azzeruolo sarà inaugurato sabato alle 11,30 in Via Roncaglia.

«Quando si fa rete, le cose vengono bene», così esordisce l’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri sottolineando la sua immensa gioia nel vedere un’altra struttura a sfondo sociale venire aperta sul territorio jesino. Il centro regionale per l’autismo è il primo delle Marche, atteso dal 2003, nasce dalla sinergia tra il Comune di Jesi, l’Asur, l’Asp, associazioni e tanti familiari in attesa di risposte concrete: «La vera vittoria è quella delle famiglie che devono essere supportate e aiutate perché hanno necessità di avere a fianco strutture per un aiuto concrete, sono famiglie di estrema fragilità – continua l’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri – per il comune di Jesi, la giornata di sabato è importante perché l’Azzeruolo è un altro obiettivo sociale raggiunto e io come assessore ai servizi sociali ne sono orgogliosa». È stato certamente un percorso lungo e tortuoso: «si tratta di una prima struttura che farà da esempio per le altre esperienze già in programma nella Regione» spiega Antonella Foglia, presidente dell’associazione dei genitori di persone autistiche (Angsa). Il centro Azzeruolo ospiterà 9 persone affette da autismo seguite da 25 operatori della Cooss Marche, nel primo mese ne entreranno 4 e mano a mano si arriverà a 9, per dare la migliore organizzazione possibile: «Gli oneri del primo anno di vita della struttura saranno a carico dell’Asur, dopo i primi 8 mesi ci sarà un report per l’andamento dei costi e livelli di assistenza per sapere come procedere finito l’anno e per dare anche le linee guida per le strutture che nasceranno nel sud e nel nord delle Marche – spiega il dott. Picchietti Giovanni, direttore dell’unità cure Tutelari Area Vasta 2 – sta crescendo una rete per far fronte all’autismo visto l’incremento della malattia di circa l’1.5% nella regione Marche».

Per il centro Azzeruolo, il comune di Jesi ha investito 340000€ e messo a disposizione l’immobile: «Il mio incarico si è basato molto sulla salvaguardia del sociale e credo proprio che stiamo andando nella giusta direzione – commenta il sindaco di Jesi Massimo Bacci – l’ispirazione per questa struttura è stata una lettera scritta da una delle figlie della famiglia Borrelli in cui mi sollecitavano nel trovare un aiuto concreto e duraturo per tutti coloro che soffrono di autismo e la soluzione finalmente è arrivata. Il comune ha fatto una grande parte e ne siamo orgogliosi».

«Le istituzioni si sono messe in gioco e hanno raggiunto quello che cercavamo da tempo e quindi grazie – commenta Carla Raffaeli, madre di un ragazzo autistico e intervenuta anche in rappresentanza di altri familiari presenti all’incontro di ieri -. Sarà un aiuto indescrivibile e spero che faccia da leva per inserire le persone del centro in realtà del territorio, per trovare una loro quotidianità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.