Astralmusic

Sacchetti bio, un provvedimento da cambiare.

CNA Agroalimentare contesta le nuove direttive. Ne parla il coordinatore Andrea Moroni

Astralmusic

ANCONA – Nell’annuale appuntamento dedicato all’aggiornamento normativo del settore agroalimentare, Cna ha discusso in merito alla nuove direttive riguardanti shoppers/buste in plastica, etichettatura degli alimenti (le sanzioni e il nuovo Dlgs 231/2017) e somministrazione e/o vendita di insetti per il consumo alimentare umano.

Grande interesse ha suscitato la questione delle buste in plastica. Come noto, dal 1° gennaio 2018 anche i sacchetti per prodotti alimentari devono essere biodegradabili e compostabili e riportare una certificazione da parte di enti accreditati, oltre che ceduti esclusivamente a pagamento. Nello scontrino fiscale, inoltre, la cessione del biodegradabile deve essere ben visibile e indicata separatamente nel registro corrispettivi.

Le nuove norme riguardano i sacchetti ultraleggeri e shoppers utilizzati per trasportare la spesa. Inalterate, invece le norme che riguardano le cosiddette “antigoccia” che per misure igieniche sono ancora in commercio e possono essere utilizzate per mozzarelle, carne e pesce.

Rispetto alle nuove disposizioni sugli shoppers, il coordinatore della Cna Agroalimentare di Ancona, Andrea Moroni, si è espresso duramente: “Siamo di fronte all’ennesimo provvedimento fatto di teoria che non tiene assolutamente conto della vita pratica delle aziende. Ha creato enorme confusione e soprattutto il pagamento delle buste ultraleggere ci sembra un controsenso se davvero l’intento è quello di  incentivare un comportamento “ecologico”.  Ci chiediamo se questo provvedimento, così come ideato, non sia più a vantaggio del fisco, che riscuote l’Iva, che dell’ambiente e dei consumatori”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*