Sacha Cohen si conferma mattatore della commedia | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sacha Cohen si conferma mattatore della commedia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Uno “scherzo di cattivo gusto” sul palco del Britannia Awards sta facendo parlare da settimane del noto attore Sacha Baron Cohen. Il mattatore di Il Dittatore e Borat, è stato uno dei grandi protagonisti della cerimonia di inizio novembre tenutasi a Los Angeles. Il comico di origini ebraiche, chiamato sul palco per ritirare l’ambito premio, ha messo in scena, con la collaborazione di Salma Hayek una gag da Premio Oscar. Ecco come sono andati i fatti: la Hayek è salita sul palco accompagnata da una donna anziana sulla sedia a rotelle, portando con se uno dei bastoni usati da Charlie Chaplin in Luci della città. La donna, spacciatasi per Grace Cullington, consegna il bastone al premiato Cohen che, dopo una robotica imitazione del maestro Chaplin, inciampa, lanciando tra il pubblico la povera Grace. Tra la paura dei presenti, tra cui George Clooney, è stato un peccato scoprire che si è trattato di uno scherzo; infatti la vera Cullington è morta nel lontano 1925.

Del resto la sua carriera è stata sempre segnata da una spiccata dote comica. Basti pensare ai suoi esordi con Ali G, quando intervistava personaggi noti dello spettacolo e della politica, tra cui David Beckam, Noam Chomsky e Gore Vidal. Ma è con il personaggio di Borat che Cohen raggiunge la piena maturità, Nel 2006 il giornalista kazako approda sul grande schermo ed è subito successo. Per ora non sono previsti altri lavori del comico nato a Londra.

Comunque uno scherzo in pieno stile Cohen, famoso per i suoi strambi personaggi, da Ali G, aspirante rapper inglese, al giornalista kazako Borat per arrivare a Bruno, giornalista di moda austriaco e omosessuale.

 

A cura di Giuseppe de Lauri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.