Saldi invernali: 305 euro di spesa per ogni famiglia | Password Magazine
Festival Pergolesi

Saldi invernali: 305 euro di spesa per ogni famiglia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Una spesa di 305 euro per ogni famiglia (133 euro l’acquisto medio a persona nelle Marche). E’ questo il valore medio di acquisto nel periodo dei saldi invernali che nelle Marche partiranno sabato 4 gennaio per concludersi sabato primo marzo. Il dato è dell’Ufficio Studi di Confcommercio che stima in 250 milioni di euro, pari al 17% del fatturato, il valore complessivo della spesa.

Anche nelle Marche dunque si farà sentire il peso delle vendite di fine stagione che possono essere un primo momento di ripresa del settore in coincidenza con l’inizio dell’anno. La speranza è che l’impulso dei saldi possa portare una spinta benefica anche dopo marzo a ridosso dell’avvio delle vendite primaverili ed estive: “Contiamo che le vendite di fine stagione – le parole del direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia Marche e Provincia di Ancona Massimiliano Polacco – possano dare impulso agli acquisti e possano portare un pò di ottimismo in un comparto che ha vissuto un calo dei consumi da settembre a dicembre. I prodotti che saranno posti in vendita avranno un forte sconto rispetto al prezzo di base, mediamente il 40%, e la prospettiva di un acquisto con ribassi così importanti dovrebbe invogliare le famiglie a spese sostanziose nel settore abbigliamento, calzature ed accessori”. “Anche nella nostra regione e nella provincia di Ancona – conclude Polacco – ci attendiamo un buon riscontro dai saldi invernali e numeri in linea con quelli nazionali con la possibilità di valori più alti laddove si è lavorato sulla qualità, sull’innovazione e sulla comunicazione. Il commercio può e deve benificiare di altri canali dai quali trarre nuovi ricavi. Il Turismo è uno di questi ed è in grado di portare flussi di persone e potenziali acquirenti nei nostri luoghi. Dobbiamo dunque continuare a puntare sullo sviluppo turistico del nostro territorio per creare nuovi benefici anche all’indotto”.

Confcommercio Imprese per l’Italia Marche ricorda alcuni principi di base per il corretto svolgimento dei saldi.
Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante.
Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l’adesivo che attesta la relativa convenzione.
Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.
Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.