Salva la cagnolina dall'attacco di un pit bull, resta ferito | | Password Magazine

Salva la cagnolina dall’attacco di un pit bull, resta ferito

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Un pit bull senza guinzaglio aggredisce una cagnolina, il padrone la salva ma resta ferito.
È quanto successo sabato pomeriggio, in via Paladini, al padrone di una piccola Labrador di 14 mesi, poco più di una cucciola. L’uomo, un sessantenne di Jesi, la stava portando a fare una passeggiata  quando, all’altezza del supermercato, è stato inaspettatamente colto di sorpresa da un pit bull. Il cane, di media grandezza, pezzato bianco e marrone, era sciolto, senza museruola né padrone nei paraggi: con fare aggressivo, si è scagliato contro i due abbagliando. Per difendere la cucciola dagli attacchi del cane più grande, il padrone ha cercato di metterla a riparo: nel tentativo, ha però perso l’equilibrio ed è caduto sulle ginocchia, riportando delle ferite. Nonostante il dolore e le escoriazioni anche alle mani, ha trovato però la forza di rialzarsi e, urlando, ha messo in fuga l’animale che lo aveva attaccato. Stavolta, il pit bull rinuncia e se ne va. Preso dallo spavento, l’uomo ha fatto poi subito rientro a casa per le medicazioni. «Non sappiamo da dove provenisse il pit bull, è probabile che sia scappato da un cortile – ha detto la moglie dell’uomo ferito -. Questa volta ci è andata bene. Non si tratta di puntare il dito contro i pit bull che, se ben educati, sono dei bravi cani: piuttosto, va lanciato un appello ai padroni che devono assumersi le dovute responsabilità e detenere il cane nel migliore dei modi possibili, nel pieno rispetto dell’animale e di loro stessi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.