San Giuseppe, i rapinatori sono almeno due; obbligo di dimora per lo scippatore

JESI – Interrogato dal Gip, è arrivata la convalida dell’arresto ma con obbligo di dimora a Santa Maria Nuova per lo scippatore che mercoledì scorso ha perpetrato un furto con strappo ai danni di una badante russa, derubandola della somma di 1400 euro appena prelevate dalle poste centrali di Jesi.

Potrebbe essere lui uno dei presunti rapinatori di San Giuseppe. Il magrebino di 31 anni, con numerose pendenze giudiziarie alle spalle, era stato catturato giovedì pomeriggio dopo un blitz della Polizia nell’abitazione dove era domiciliato.

Erano stati sequestrati tutti gli indumenti indossati (il giubbino rosso, gli occhiali da sole, i pantaloni verdi e due banconote da 50 euro di serie consequenziale) nonché l’auto blu su cui era scappato quella mattina, risultata poi intestata a una persona deceduta. Visto il pericolo concreto di fuga, i poliziotti lo avevano sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. Privo di titolo di permanenza sul territorio nazionale, era stato condotto alla Casa Circondariale Montacuto. Intanto, gli agenti di Polizia hanno proceduto alla restituzione del denaro alla donna scippata. Se il marocchino sia anche l’autore di alcune delle rapine avvenute a San Giuseppe, è ancora da chiarire: per questo, la Polizia ha fornito, in pieno spirito di collaborazione, tutti i dati raccolti ai carabinieri che indagano sui reati avvenuti nel quartiere.

Spetterà ai carabinieri stabilire se lo scippatore catturato giovedì dalla Polizia sia anche collegato ai crimini commessi nell’ultimo mese nel quartiere ai danni di donne, anziani e minorenni. Alcuni elementi chiave farebbero pensare a una qualche correlazione. Ad esempio, il modus operandi del magrebino fermato giovedì è simile a quello adottato nella rapina del 4 gennaio: in entrambi i casi, sono stati pedinati dall’ufficio postale due soggetti incapaci di difendersi – una donna con difficoltà deambulatorie nell’uno e un anziano nell’altro – e derubati del denaro contante appena prelevato. Poi ci sono le testimonianze delle vittime e le immagine di zona fornite dalle telecamere che descrivono il rapinatore di San Giuseppe come un giovane dai 25 ai 30 anni, straniero, forse marocchino. Dunque, tutto farebbe pensare che l’identità della scippatore e quella del rapinatore coincidano. Ma non è così. Sarebbero più di uno infatti i criminali che nei giorni scorsi hanno diffuso il panico in città, aggredendo soggetti individuati come “deboli” tra la popolazione. È ancora caccia aperta: lo scippatore fermato dalla Polizia potrebbe essere solo uno dei due o più “soci” rapinatori che hanno commesso reati contro il patrimonio nei confronti di anziani, donne e anche minori. Con uno dei criminali fuori dai giochi, resta ai carabinieri andare fino a fondo nelle indagini confrontando tutti gli elementi raccolti in questo mese di paura, dove ad essere aggrediti sono stati almeno in otto nell’area della città compresa tra San Giuseppe e Porta Valle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*