San Paolo di Jesi, 3^ Festa della Visciola | Password Magazine
Festival Pergolesi

San Paolo di Jesi, 3^ Festa della Visciola

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SAN PAOLO DI JESI – Un connubio fra storia, tradizione, gastronomia e vivere sano. È la “Festa del vi’ de Visciola”, in programma da venerdì 19 a domenica 21 ottobre a San Paolo di Jesi.

Una manifestazione per promuovere un prodotto unico in Italia, il vino di visciola, ma anche per tenere fede al testamento di un parroco che nel 1702 aveva pensato a come garantire un futuro alle giovani senza mezzi. Sì, perché l’iniziativa, organizzata dalla Pro Loco San Paolo di Jesi, con il patrocinio del Comune, della Provincia di Ancona e dell’assessorato al Turismo della Regione Marche, diventa per la prima volta un passaggio fondamentale della “Cavata delle zitelle”, l’evento dell’8 dicembre nato per onorare il testamento del reverendo del paese, don Antonio Agabiti, che destinava i frutti di un possedimento alla costituzione di una dote da assegnare ogni anno a due giovani “di sani principi morali”. La terza edizione della festa, che a ottobre richiama nel suggestivo centro collinare migliaia di persone, si abbina, quindi, ad un’altra manifestazione unica e assolutamente originale di San Paolo di Jesi.

Oltre che della sfilata in costume d’epoca e della gara di pigiatura, le “zitelle” saranno infatti protagoniste (domenica 21 ottobre) del rituale dell’imbossolamento, cioè dell’inserimento in un’urna dei nomi delle giovani dai 18 ai 28 anni del paese, per la successiva estrazione a sorte nel giorno della “Cavata delle zitelle” vera e propria.

Il vino di visciola

Intanto, dal 19 al 21 ottobre il matrimonio si celebra con il vino di visciola, l’altra eccellenza del territorio della Vallesina oltre al Verdicchio dei Castelli di Jesi. La visciola è un vino di nicchia, che ha ottenuto di recente il riconoscimento di “prodotto tradizionale” delle Marche, con un suo specifico disciplinare che attinge alla storia produttiva locale. È un nettare capace di trasmette sensazioni di notevole morbidezza pur conservando una discreta acidità, che si utilizza prevalentemente come vino per dolci, abbinato anche al cioccolato oppure come bevanda da meditazione. Da diversi secoli è una produzione artigianale delle campagne della Vallesina. Ci sono ricette risalenti alla metà dell’Ottocento mentre la prima etichetta “Vino di visciola” risale al 1925.

Il programma 

La tre giorni di festa propone degustazioni negli stand gastronomici, dove sono serviti piatti caratteristici, e un ricco calendario di appuntamenti, tutti a ingresso libero, fra cui una mostra micologica, mercatini e spettacoli musicali. “Tutto il paese è coinvolto nella preparazione e nell’allestimento della festa – spiega il presidente della Pro Loco Marco Tozzi – che rappresenta ormai uno strumento di promozione del nostro territorio grazie al traino di un prodotto, il vino di visciole, sempre più apprezzato e sinonimo di genuinità e tipicità”.

La manifestazione si aprirà venerdì 19 ottobre con protagonista la musica. La serata proporrà “I recidivi”, live cover di Vasco Rossi, “Dj Nick”, con l’house music, e “Dj Lele”, con l’afro music.

Ricca di appuntamenti la giornata di sabato 20 ottobre. Dalle 10 alle 11,30 ci sarà l’inaugurazione di una mostra micologica a Palazzo Bassi, con la conferenza di apertura a cura dei micologi del Gruppo micologico jesino “Federico II”. Sempre sabato, si celebrerà un altro abbinamento: quello fra vino e poesia. Alle ore 15,30, nella Sala consiliare del Comune, è prevista la premiazione della XII edizione del Premio nazionale di poesia Verdicchio in versi”.

Seguirà, alle ore 17,30, sempre nella residenza municipale, il convegno dal titolo “Visciole ed altri frutti spontanei”, incentrato sugli aspetti salutistici della visciola, sul rispetto della tradizionalità e sul valore storico del frutto. Un momento di approfondimento che vedrà fra i relatori esperti e docenti universitari. Ad aprire i lavori sarà il sindaco di San Paolo di Jesi Sandro Barcaglioni. Il presidente della Pro loco Marco Tozzi illustrerà il programma della festa, mentre a introdurre il tema del convegno e a fare da moderatore sarà l’assessore comunale Angelo Zannotti. Seguiranno gli interventi di Fabrizio Fabrizi, presidente del Gruppo Micologico Jesino Federico II, micologo ed esperto di erbe e piante spontanee che parlerà di “Utilizzo in cucina di bacche e frutti spontanei”, di Gianna Ferretti e Tiziana Bacchetti, dell’Università Politecnica delle Marche, che illustreranno le “Qualità nutrizionale della visciola marchigiana”, e di Davide Neri, sempre dell’ateneo dorico, che parlerà della “Possibilità di coltivazione della visciola nelle Marche”. Seguirà il dibattito.

Dal tardo pomeriggio alla sera, la piazza ospiterà diversi gruppi musicali: Area X, live cover di Ligabue, con Federico Poggipollini, il chitarrista ufficiale del cantautore, “Dj Salah”, che proporrà afro brazil from disco Verve e “Dj Dottori” con l’house.

Domenica 21 ottobre ad aprire la festa sarà, alle 15,30, la rievocazione storica con al centro le ragazze del paese. Saranno protagoniste della “Sfilata delle zitelle”, con accompagnamento dei tamburi del Palio di San Floriano e sbandieratori, della cerimonia di “Imbossolamento” per l’estrazione dell’8 dicembre, e della gara di pigiatura.

La giornata sarà caratterizzata anche da tanta musica, grazie alla “Trakanna folk band”, alla folk music de “Gli amici dello zio Pecos”, e alla musica live di Adriano e Nicola. A presentare gli eventi, tutti ad ingresso libero, sarà il comico Angelo Carestia.

Le curiosità 

Sarà mobilitato un esercito di ottanta persone, riconoscibili dalle felpe gialle indossate a mo’ di divisa, per garantire lo svolgimento dei tre giorni di festa. Sono i volontari della Pro loco, impegnati da mesi nella preparazione della manifestazione, che dal 19 al 21 ottobre si occuperanno anche di cucinare piatti a base di visciola e di altre tipicità del territorio, e di animare le varie iniziative, come la “Tracannata”, il passaggio di un carro allegorico a forma di distributore di pompa di benzina dal quale esce il Verdicchio. Il centro storico sarà addobbato a tema, con l’immagine di Bacco che saluterà chi entra in paese, mentre spunterà una bottiglia gigante di vino nella piazza centrale. Fra le novità di quest’anno, anche giochi di fuoco.

Uno dei punti forti della manifestazione sono gli stand gastronomici con piatti caratteristici: oltre alla polenta e alla carne cotta con la visciola, il vino re della manifestazione sarà inserito anche in ricette come la panna cotta e il tiramisù alla visciola. Fra le iniziative collegate all’evento, anche la mostra del gruppo fotografico “Clickers” di San Palo di Jesi, allestita all’interno delle mura.

Per tutta la durata della manifestazione funzionerà un servizio gratuito di bus navetta.

 

Comunicato da: Pro Loco San Paolo di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.