San Paolo di Jesi, cresce l'attesa per la VI edizione della Festa de vì de Visciola

SAN PAOLO DI JESI – Non solo Verdicchio nel cuore dei Castelli di Jesi. Torna dal 16 al 18 ottobre la festa che celebra un altro prodotto d’eccellenza della Vallesina, il vino di visciola, sempre più apprezzato perché buono, genuino, sinonimo di tradizione ed eccellenza enogastronomica.

La “Festa del vi’ de Visciola”, unica in Italia, è diventata uno degli appuntamenti dell’autunno più attesi dell’intera regione. Ha guadagnato in questi anni sempre più attenzione e interesse, proprio nell’area del Verdicchio dei Castelli di Jesi, uno dei bianchi più famosi al mondo. A portare alla ribalta questo vino dolce, da degustazione o da dessert, a base di ciliegie acide, ha contribuito proprio la manifestazione, che si svolge da cinque anni a San Paolo di Jesi, organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune.

La sesta edizione della rassegna dedicata al vino di visciola si svolgerà quest’anno da venerdì 16 a domenica 18 ottobre.

La festa, non celebra solo un prodotto enogastronomico. Nella giornata di domenica 18 ottobre andrà in scena anche un evento ultracentenario, che rende anch’esso unico il paese di San Paolo di Jesi. Si tratta della “Cavata delle zitelle”, il cui scopo è l’assegnazione di una dote in denaro a due giovani, così come prescritto, agli inizi del Settecento, dal reverendo del paese don Antonio Agabiti. Non una semplice rievocazione degli antichi usi contadini, dunque, ma un rituale che si ripete per tenere fede ad un testamento e che assegna a due ragazze fra i diciotto e i 28 anni, non ancora sposate, una somma di 516 euro.

La “Festa del vi’ de Visciola” diventa così l’occasione per un tuffo nel passato e nelle tradizioni ancestrali. E intanto riserva piaceri per lo spirito e per il palato, divertimento, musica e attrazioni.

La festa propone anche quest’anno degustazioni negli stand gastronomici, dove sono serviti piatti caratteristici, e un ricco calendario di appuntamenti, tutti a ingresso libero, fra cui mercatini, concerti e spettacoli con band e ospiti di fama nazionale come il dj e conduttore di Radio 105 Paolo Noise.

Nelle locande aperte per l’occasione nel cuore del centro storico saranno serviti piatti a base di visciola e di altre tipicità del territorio. Ad animare e colorare le giornate di festa saranno anche il carro dei “Viscioli del fuoco” e gli addobbi del centro storico, con l’immagine di Bacco che saluterà chi entra in paese e una bottiglia gigante di vino nella piazza centrale.

Il programma della “Festa del vi’ de Visciola”

Il via alla festa lo darà, alle ore 19 di venerdì 16 ottobre, il concerto di Cristiana & Bad boys. La notte sarà lunga e proseguirà con la musica di complessi e cantanti di grande richiamo come i Lennon Kelly. Una giovane band salita alla ribalta in pochi anni e capace di fondere l’anima romagnola e una vena punk-rock con la musica irlandese. A salire sul palco venerdì saranno anche Jolebalalla raggae, dj Red House music e dj Edo Ska music.

Sabato 18 ottobre ancora musica (dalle 19) con Baticum band, Mortimer Mc Grave e Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar. Marinelli, virtuoso trombettista emiliano, accenderà la piazza con il suo caratteristico sound: una contagiosa miscela di musica tzigana e balcanica. Un artista importante, che ha collaborato negli anni con nome quali Negramaro, Demo Morselli e che suona dal 2006 nella band di Vinicio Capossela. A rendere speciale il sabato sera della festa del vino di visciola ci penserà anche Paolo Noise, con il suo talento naturale per la comicità. La musica proseguirà fino a notte inoltrata con dj Salah afro music e dj Red house music.

Nel pomeriggio di sabato, nella Sala consiliare del Comune, si terrà un convegno dedicato al vino di visciola: un’occasione per riflettere sull’importanza delle eccellenze enogastronomiche per l’economia e per il turismo della regione.

La giornata di domenica 19 ottobre si aprirà alle 16 con la sfilata delle zitelle e la gara di pigiatura. La musica sarà quella folk de “La Martinicchia”, e quella commerciale italiana dei “Divieto di sosta”.

Per tutta la durata della manifestazione funzionerà un servizio gratuito di bus navetta.

Il vino di visciola

È l’altra eccellenza del territorio della Vallesina oltre al famoso Verdicchio dei Castelli di Jesi. È un vino di nicchia, che ha ottenuto il riconoscimento di “prodotto tradizionale” delle Marche, con un suo specifico disciplinare che attinge alla storia produttiva locale. È un nettare capace di trasmette sensazioni di notevole morbidezza pur conservando una discreta acidità, che si utilizza prevalentemente come vino per dolci, abbinato anche al cioccolato oppure come bevanda da meditazione. Da diversi secoli è una produzione artigianale delle campagne della Vallesina. Ci sono ricette risalenti alla metà dell’Ottocento mentre la prima etichetta “Vino di visciola” risale al 1925.

La “Cavata delle zitelle”

La “Cavata delle zitelle” si ripete ogni anno per tenere fede a un testamento redatto agli inizi del Settecento dal reverendo del paese, don Antonio Agabiti. Prevede due momenti: l’imbossolamento, cioè l’inserimento in un’urna dei nomi delle giovani non ancora sposate del paese, e la cavata, cioè l’estrazione a sorte dei nomi delle due ragazze che riceveranno la dote di 516 euro. Alla cavata possono partecipare le giovani fra i diciotto e i 28 anni, non ancora sposate. L’estrazione avviene in genere fra una decina di residenti, in possesso dei requisiti richiesti. Ma non basta l’età. Si deve dimostrare di essere “di sani principi morali”, come recita il testamento del religioso, e accettare la condizione di entrare in possesso della somma “solo dopo nove mesi dalla data del matrimonio”. Oltre che protagoniste le rito, le zitelle parteciperanno alla Festa della visciola nel pomeriggio di domenica 18 ottobre con la sfilata in costume e la gara di pigiatura.

Una festa per tutti i gusti quella del vino di visciola, che regala tre giorni di divertimento, musica, ma anche storia, tradizione e gastronomia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*