San Paolo di Jesi, torna la Festa della Visciola | | Password Magazine

San Paolo di Jesi, torna la Festa della Visciola

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SAN PAOLO DI JESI – Un’antica tradizione che nessun altro Comune in Italia porta ancora avanti e un prodotto locale che non ha altri eventi simili che lo celebri.
Due peculiarità, quelle che rendono unico il paese di San Paolo di Jesi, nel cuore delle Marche, che si sposano per la prima volta in un’unica festa. Sì, perché per seguire la “Cavata delle zitelle” e la “Festa del vi’ de Visciola” l’appuntamento è uno solo e va in scena nel piccolo e suggestivo borgo medievale, nelle colline dell’Anconetano, da venerdì 17 a domenica 19 ottobre. Una tre giorni, quella organizzata dalla Pro Loco San Paolo di Jesi, con il patrocinio del Comune, che si preannuncia ricca come non mai di stimoli e di attrazioni.
La nuova edizione della manifestazione, nata cinque anni fa per promuovere il vino di visciola e diventata in poco tempo uno degli eventi più seguiti della regione, aveva previsto già l’anno scorso nel proprio programma un passaggio cruciale della Cavata delle zitelle: l’imbossolamento. Si tratta dell’inserimento in un’urna dei nomi delle giovani non ancora sposate del paese: un atto preparatorio all’assegnazione, nel giorno dell’Immacolata, della dote in denaro voluta, agli inizi del Settecento, dal reverendo del paese, don Antonio Agabiti. Ma da quest’anno anche il rito dell’estrazione a sorte, detta appunto “cavata”, viene anticipato dall’8 dicembre, come è stato finora, alla domenica conclusiva della Festa del vino di visciola.
Il vino di visciola

È l’altra eccellenza del territorio della Vallesina oltre al famoso Verdicchio dei Castelli di Jesi. È un vino di nicchia, che ha ottenuto di recente il riconoscimento di “prodotto tradizionale” delle Marche, con un suo specifico disciplinare che attinge alla storia produttiva locale. È un nettare capace di trasmette sensazioni di notevole morbidezza pur conservando una discreta acidità, che si utilizza prevalentemente come vino per dolci, abbinato anche al cioccolato oppure come bevanda da meditazione. Da diversi secoli è una produzione artigianale delle campagne della Vallesina. Ci sono ricette risalenti alla metà dell’Ottocento mentre la prima etichetta “Vino di visciola” risale al 1925.

Il programma della “Festa del vi’ de Visciola”

La festa a San Paolo di Jesi propone degustazioni negli stand gastronomici, dove sono serviti piatti caratteristici, e un ricco calendario di appuntamenti, tutti a ingresso libero, fra cui mercatini, concerti e spettacoli musicali.
La festa organizzata dalla Pro loco, col patrocinio del Comune, scatta alle ore 19 di venerdì 17 ottobre, inaugurata dalla musica del complessi rock “Gli Scordati” e “Radio babylon”. Sabato 18 ottobre ancora rock con “Jolebalalla”. Il momento clou della serata sarà il concerto della cover band di Rino Gaetano, i “Vili Maschi”. Chiuderanno i “Kurnalcool”. Nel pomeriggio di sabato (ore 17), nella Sala consiliare del Municipio, si terrà un convegno, organizzato dall’Amministrazione comunale, dal titolo “Adottare una visciola per far crescere un’educazione”. Nell’occasione sarà presentato un progetto realizzato in collaborazione con le scuole, che vedrà i bambini del paese “adottare” una pianta di visciola. Parte di quelle acquistate l’anno scorso dalla Pro loco, circa duecento, e subito piantumate, saranno quindi affidate ai bambini del posto. Chiamati, in un certo senso, a tenere fede a quel legame con la terra e con i suoi frutti che è una delle ricchezze di questo splendido angolo d’Italia.
La giornata di domenica 19 ottobre si aprirà alle 16 con la sfilata delle zitelle e la gara di pigiatura. La musica, fino a notte inoltrata, sarà quella folk dei “Traballo”, e quella commerciale italiana dei “Divieto di sosta”. Presenta il comico Angelo Carestia.
Intanto, nelle locande aperte per l’occasione nel cuore del centro storico saranno serviti piatti a base di visciola e di altre tipicità del territorio: oltre alla polenta e alla carne cotta con la visciola, il vino re della manifestazione sarà inserito anche in ricette come la panna cotta e il tiramisù alla visciola. Ad animare e colorare le giornate di festa saranno anche il carro dei “Viscioli del fuoco”, gli addobbi del centro storico, con l’immagine di Bacco che saluterà chi entra in paese e una bottiglia gigante di vino nella piazza centrale.
Per tutta la durata della manifestazione funzionerà un servizio gratuito di bus navetta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.