San Savino risplende dei colori del Linking Festival | | Password Magazine
Festival Pergolesi

San Savino risplende dei colori del Linking Festival

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Piazzale San Savino si riconferma punto di contatto tra culture e identità. In centinaia si sono dati appuntamento oggi nel cuore del quartiere per la terza edizione del San Savino Linking Festival, l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Victoria, con il supporto del main sponsor International House The Victoria Company (IH TVC) e in collaborazione con il Comune, nell’ottica di celebrare i valori dell’amicizia, della fratellanza e dell’identità tra le diverse realtà etniche, economiche e sociali che vivono in quella zona della città.

Dopo il murales Diverciteen e il monumento multicolore a forma di grande mano, simbolo dell’incontro tra identità e culturale, ora in cantiere c’è un nuovo progetto per il restyling della piazza che riguarderà l’aggiunta di arredi, decorazioni e la ritinteggiatura dei pali della luce, oramai arrugginiti:  sono stati gli studenti dell’Istituto E. Mannucci, coordinati dal prof. Massimo Ippoliti e dalla Prof.ssa Giuliana Pallotto, a realizzare i primi bozzetti nel corso della manifestazione.

“Come valorizzare l’identità di questo luogo” è stato anche il tema della tavola rotonda cui hanno preso parte Giuseppe Romagnoli (Comitato Piazza S. Savino), Simona Cardinali (Comune di Jesi, Chromaesis), esponenti del Primo Piano Festival di Ancona,  Morena Vannini, responsabile formazione progetto costruttori di Ponti, Istituto Fratelli Cervi di Reggio Emilia, Patrizia Ciummelli e Marco Scarponi del Progetto FAMI e Kazi Fockrhul Islam, consigliere comunale straniero.

La festa, animata da attività sportive, artistiche, ludiche e di intrattenimento, grazie alla partecipazione di società sportive, artisti ed associazioni della città, sugella l’incontro anche tra più generazioni. Immancabile la signora Maria Pia Boria che, con i suoi 101 anni compiuti, residente a San Savino da oltre un ventennio, ha salutato la festa affacciata dal balcone: è suo il calco della mano in argilla apposto sul monumento multicolore a simboleggiare le radici del quartiere proiettate nel futuro.

Altro momento significativo, quello dell’abbraccio piu grande delle Marche, cui hanno partecipato centinaia di partecipanti tra etnie, età e culture diverse con la collaborazione dell’associazione Animatori Senza Frontiere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.