San Vincenzo de Paoli, 190 le uova di Pasqua raccolte con i carrelli solidali | Password Magazine

San Vincenzo de Paoli, 190 le uova di Pasqua raccolte con i carrelli solidali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Uno dei carrelli solidali posizionati lo scorso anno al supermercato Coal di Piazza Vesalio

JESI – Sono in tutto 190 le uova di Pasqua raccolte e distribuite dalla San Vincenzo de Paoli grazie all’iniziativa dei carrelli solidali posizionati nei supermercati della città.

Una campagna partita il 20 marzo scorso e che, avvalendosi della collaborazione di Croce Rossa Italiana, RotarAct, Avulss e l’associazione ImpAct,  raccoglieva uova di Pasqua da donare ai minori assistiti dalle conferenze della San Vincenzo de Paoli, dalla Caritas e dai Servizi Sociali del Comune. 

«Delle uova disponibili, 75 sono andate agli utenti dalla San Vincenzo  – fa sapere Gabriele Cinti, presidente dell’associazione cattolica che si occupa di assistenza a famiglie in difficoltà con particolare attenzione ai bambini -, 40 agli utenti di Caritas, 20 agli utenti dei Servizi sociali, 20 a famiglie rom, 15 ai bambini di pediatria del Carlo Urbani e 20 a utenti occasionali».

uova di pasqua

Plauso per il lavoro svolto dalla rete di volontariato dall’assessore ai Servizi sociali Marialuisa Quaglieri, intervenuta alla conferenza stampa di illustrazione dei risultati della campagna insieme ai rappresentanti delle associazioni partner e ai consiglieri regionali Mirko Bilò (alla maggioranza) e Antonio Mastrovincenzo, ex presidente dell’assemblea legislativa delle Marche oggi all’opposizione.

L’organizzazione della San Vincenzo de Paoli in provincia di Ancona comprende le conferenze di Ancona, Cerreto D’Esi, Corinaldo, Jesi, Genga, Cupramontana, Fabriano, Montecarotto, Ostra, Sassoferrato e Senigallia, oltreché un social market a Fabriano e a Ostra, in collaborazione con la Caritas, e la casa dell’accoglienza di San Benedetto, sempre nella città della carta.

«Le persone arrivano a noi attraverso la segnalazione dei parroci, il passaparola oppure presentando si direttamente – prosegue Cinti -. Nell’ultimo anno le richieste d’aiuto sono aumentate del 10%, anche se la situazione è stata in parte tamponata dai provvedimenti governativi».

Per l’Istat sono considerate povere relative le famiglie che hanno una spesa per consumi al di sotto di una soglia di povertà relativa convenzionali (linea di povertà): per la regione Marche l’indice di povertà relativa è al 8%.

Su 138.511 residenti nel vasto bacino che comprende i comuni di Jesi, Montecarotto, Fabriano, Cerreto d’Esi, Cupramontana, Genga, Sassoferrato, Matelica, Senigallia e Ostra, le persone al sotto del l’indice del 8% sono più di 11 mila, 2450 (circa il 22%) quelle assistite dalla San Vincenzo. Per quanto riguarda la situazione jesina, sono 75 i nuclei familiari assistiti di cui 20 italiani (il 33%); 290 sono le persone di cui 75 i minori tra 0 e 15 anni (il 26%) che frequentano la scuola dell’obbligo. Poi ci sono 100 utenti occasionali all’incirca.

«In media distribuiamo mensilmente circa 75 pacchi del peso di 20 chili ciascuno, pari a una tonnellata di beni non deperibili.  Il 95% dei beni alimentari non deperibili provengono dai banchi alimentari e il 5% dai carrelli – fa sapere Cinti -. Puntiamo ora ad allargare quest’ultima percentuale, attraverso il riposizionamento dei carrelli (ora attivi il Coal di piazza Vesalio, Conad, Drogheria Copparoni, Sì con te di via Fausto Coppi e via Rossini). Partirà online anche una raccolta fondi PayPal.»

Secondo quanto riferito dalla San Vincenzo, attualmente non ci sono situazioni di indigenza estrema in città, a parte un caso limite.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.