Sanità, accelerata verso la privatizzazione: pronto un esposto al Ministero

JESI – Sanità sempre più verso la privatizzazione. Centralini intasati, Pronto soccorso in tilt, carenze di personale, tagli ai posti letto. Insomma, nessuna nuova buona in corsia. A parlare questa mattina in sede di conferenza stampa sono il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi, il Comitato cittadino per la Difesa e salvaguardia dell’ Ospedale Carlo Urbani di Jesi, sindacati OOSS e RSU.

«È in atto un grave attacco alla democrazia rappresentativa – spiega il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori -. Ad oggi nessuna risposta ricevuta, nessuna possibilità di intervenire alla conferenza dei sindaci seppur invitati. Nessuno sembra voler ascoltare. Intanto, continuano ad arrivare le segnalazioni dei cittadini che lamentano lunghe attese per le prenotazioni, Cup in stato estremo di disagio (neanche le stampanti rotte vengono riacquistate), file interminabili a un Pronto soccorso sovraffollato con le barelle che tornano nei corridoi».

Per Giacomo Mancinelli, dirigente sindacale, componente RSU per la FP CGIL dell’Area Vasta 2, il problema è a monte: «Da ultime delibere della Giunta regionale si apprende dell’avvio di protocolli d’intesa con strutture private dove saranno spostate attività ambulatoriali, dopo l’accreditamento dell’Asur – spiega -. Appare chiara l’accelerata della Regione verso una privatizzazione dei servizi».
Mancinelli ne è convinto, tanto da preparare un esposto ai Ministeri della Sanità, Giustizia e dell’Interno, oltreché alla Prefettura e al Tribunale di Ancona, per chiedere accertamenti in nome della sicurezza di tutti cittadini: «Quello che ci hanno presentato non è un piano sanitario ma un piano dettato da ben altre logiche». Il piano prevede infatti tagli per 4 milioni di euro al personale dell’Area Vasta 2, con un abbattimento del budget a disposizione per beni e servizi. «Ne conseguono tagli ai posti letto nei reparti, come a Reumatologia dove i farmaci costano troppo – spiega Mancinelli -. D’altra parte, si garantisce sopravvivenza a situazioni che non danno risposta ad alcuna esigenza territoriale, con le ambulanze che rimangono ferme».

Per Patrizia Ercoli, coordinatrice territoriale di Ancona Uil Fpl «Asur e Regione Marche hanno mandato insieme in tilt il sistema delle relazioni – dice -. I continui silenzi e l’impossibilità di partecipare o intervenire non fanno che confermare una volontà blindata di spingere verso la privatizzazione. Tutto questo è un disegno che oramai non ci stupisce più: cosa possiamo fare? Riappropriarci del rapporto di dialogo con una Regione che non vuol più ascoltare le parti sociali».

La situazione è grave anche per Stefania Franceschini, Rsu Cisl: «Solo l’ospedale Carlo Urbani ha perso 35 infermieri da gennaio ad oggi – spiega – C’è una carenza cronica di personale che oramai si fa sentire anche negli uffici amministrativi. Al Cup, gli addetti allo sportello sono passati da 16 a 13: di questi, 2 non saranno sostituiti, 1 è stato assunto e circa 6 sono personale part-time o richiedenti 104».

«Non ci resta che piangere – interviene Stefano Brutti, Federazione Sindacati Indipendenti -. Il discorso della privatizzazione è in atto, al Carlo Urbani si prevede di esternalizzare anche l’attività del necroforo piuttosto che assumere il dipendente precario con alle spalle già diversi anni di servizio».

Per Franco Iantosca, presidente del Comitato cittadino, sono troppo le mancanze: «Se il Pronto soccorso è sovraffollato perché non assegnare i codici verdi e bianchi ai medici di base? – spiega – Che fine ha fatto il progetto della Casa della Salute? La sanità pubblica oramai sta diventando privata, seguendo la logica di creare un ospedale unico provinciale e flotte di elicotteri».

Di tutto questo si parlerà alla tavola rotonda «Sanità: facciamo il punto» che si svolgerà il 26 novembre, alle ore 17.30 a Palazzo dei Convegni: saranno chiamati ad intervenire anche il sindaco Massimo Bacci, il direttore dell’Area Vasta 2 Giovanni Guidi, il consigliere regionale Enzo Giancarli.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*