Sanità, la denuncia del Tribunale per i Diritti del Malato: "Tempi d'attesa lunghi un anno" | | Password Magazine
Lulù  

Sanità, la denuncia del Tribunale per i Diritti del Malato: “Tempi d’attesa lunghi un anno”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Ancora una volta grandi autocelebrazioni da parte della Regione Marche sulla sanità”: così il presidente del Tribunale per i Diritti del Malato Dott. Pasquale Liguori commenta le ultime dichiarazioni alla stampa del presidente regionale Luca Ceriscioli sulla sanità. Secondo il Governatore della Regione, infatti, a dicembre 2016 la Regione Marche avrebbe centrato l’obiettivo nazionale dei tempi di attesa per le prestazioni sanitarie “un obiettivo centrato – ha reso noto – grazie all’iniezione di risorse, di personale e nuove investimenti in nuove tecnologie nel corso dello scorso anno”. Per le 43 prestazioni previste dai livelli essenziali di assistenza, sarebbero stati infatti rispettati i tempi definiti dalla normativa: per le priorità B (massimo 10 giorni di attesa) e D (massimo 30 giorni per le visite e 60 per le prestazioni strumentali).

“Solo pochi mesi fa ci aveva comunicato la virtuosità della Regione Marche nel campo sanitario nazionale – commenta Liguori – Noi diciamo basta! Siamo davvero incavolati quando leggiamo questi proclami: parlare di aver centrato l’obiettivo di riduzione dei tempi di attesa per le sole 43 prestazioni previste dai livelli di essenziali di assistenza e limitatamente ai tempi definiti per le priorità b(breve) e d( differibili) è un piccolo  passo in avanti ma non certo la risposta che si attende il cittadino al problema delle liste di attesa e non certo un passo avvertito dai cittadini che giornalmente sono nei nostri uffici per segnalarci attese lunghissime per risonanze , Tac , ecografie ed ecodoppler (tempi di attesa vicini ad un anno), senza parlare poi dei tempi sempre più lunghi per gli interventi chirurgici dopo il taglio delle sedute operatorie”.

Liguori incalza: “A fronte di tutto ciò il cittadino sempre più spesso va a fare la prestazione fuori dalla nostro regione ove trova tempi di attesa molto più brevi pagando semplicemente il ticket ovvero, quando non può spostarsi, è costretto a mettere mano al portafoglio per rivolgersi al privato. E poi, pur confidando nella buona fede del presidente Ceriscioli , noi vorremmo che ci dicesse dove andare a leggere i dati di cui oggi fa proclami di obiettivi raggiunti: nel sito della Asur Marche non siamo mai riusciti a poter leggere da qualche parte i tempi di attesa delle prestazioni, un diritto  sancito dalla legge”.

Infine: “Ricordiamo sempre ai cittadini che il decreto legislativo n.124 del 29 aprile 1998 , qualora l’attesa della prestazione richiesta si prolunghi oltre i termini massimi di attesa fissati dalla Regione l’assistito può chiedere che la prestazione venga resa nell’ambito dell’attività’ libero-professionale intramuraria, ponendo a carico  dell’azienda sanitaria locale nel cui ambito è richiesta  la differenza tra la somma versata a titolo di partecipazione al costo della prestazione e l’effettivo costo di quest’ultima, sulla scorta delle tariffe vigenti”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.