Sanità: se la lista d'attesa è lunga, la visita privata sarà rimborsata | | Password Magazine

Sanità: se la lista d’attesa è lunga, la visita privata sarà rimborsata

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Se la lista di attesa è lunga, è possibile chiedere il rimborso. Ovvero, se l’ Asur non è in grado di assicurare ad un paziente la visita o l’accertamento nei tempi massimi previsti, si può eseguire la prestazione in libera professione e poi richiedere il rimborso.

«Per intraprendere l’iter di rimborso, è necessario anzitutto che il medico proscrittore indichi tassativamente in ricetta nell’apposito spazio, le diciture di  tempistiche di esecuzione della visita/esame “U”  (da fare entro 72 ore) B” breve ( entro 10 giorni), “D” differibile (entro 30 giorni) “P” programmabile (con data da programmarsi) – fa sapere il Tribunale per i Diritti del Malato – Secondo presupposto per accedere al rimborso è che il paziente si faccia certificare dal CUP la prima data utile per l’esame/visita richiesto: se il CUP trova la prima data utile in una struttura nell’ambito dell’Area Vasta 2 , diversa da Jesi, che comunque rientra nei tempi max di attesa, nessun rimborso può essere richiesto. Una volta che ricorrano le condizioni previste dalla legge , il TDM ha predisposto una modulistica ad hoc per richiedere il rimborso che potrà anche essere compilata e spedita direttamente dal paziente»

La sede del Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi è stata tempestata di telefonate dopo il primo caso a livello regionale  di rimborso  al paziente di quanto speso per una visita in libera professione o nel privato (al netto del ticket previsto), dato che l’ASUR non è stato in grado di assicurare la visita o l’accertamento richiesto  nei tempi massimi previsti dalla Regione (30 gg per le visite e 60 giorni per gli accertamenti diagnostici ) .

Nei prossimi giorni, il Tribunale per i Diritti del Malato svolgerà un volantinaggio nei locali del CUP per dare informativa in diretta a chi si trova lì per prenotare una visita o un accertamento, sulle condizioni necessarie per richiedere il rimborso, ma nel frattempo già sta seguendo altri casi che rientrano nelle casistiche di rimborso previste dalla legge 124/98.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.