Sanremo, l’assessora Bora: «Basta a messaggi violenti contro le donne. La Rai promuova la cultura del rispetto»

ANCONA – «La Rai e il servizio pubblico dovrebbero divulgare la cultura del rispetto e promuovere la dignità delle donne. Ma così non è: come assessora alle Pari Opportunità della Regione Marche, stigmatizzo come inaccettabili le parole del conduttore del festival di Sanremo, Amadeus. Ma ancora più ripugnante è la presenza, sul palco dell’Ariston, del rapper Junior Cally con i suoi testi violenti. È ora di dire basta a certi messaggi».  Esprime così il proprio dissenso l’assessora regionale Manuela Bora rispetto agli ultimi eventi relativi al festival di Sanremo. «Chi si occupa di comunicazione dovrebbe tener conto ed essere più consapevole dei cambiamenti della società. Questo non sta accadendo a Sanremo ed è davvero inopportuno far partecipare alla kermesse un rapper come Junior Cally, noto per i suoi testi e video che incitano alla violenza contro le donne». La Rai, prosegue l’assessora, «dovrebbe svolgere, con maggiore incisività e senso di responsabilità, la sua mission comunicativa ed educativa che trova fondamento nei principi posti dalla Costituzione italiana e dall’Unione europea».

Un messaggio condiviso anche dalle associazioni al femminile. La presidente nazionale della FIDAPA BPW ITALY, Maria Concetti Oliveri, a nome di tutte le socie si unisce all’azione di protesta con l’invio di una mail alla commissione RAI e al MISE, alle 29 Deputate dell’intergruppo per le donne, firmatarie della lettera indirizzata alla Commissione di vigilanza sulla RAI, al A.D. Salini, al C.D.A. e all’USIGRAI, nella quale si denuncia che, tramite le parole di Amadeus, direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo, il servizio televisivo pubblico presenta ancora una volta un modello diseducativo di donna: «bella e disposta a farsi da parte per non offuscare il successo del proprio compagno. Inoltre, nella gara musicale è prevista la presenza del cantante Junior Cally, i cui testi, come risaputo, sono pieni di violenza, sessismo e misoginia, in palese contrasto con il codice etico adottato dalla RAI stessa. Ci associamo alla richiesta delle Deputate che, nella nota, chiedono le scuse pubbliche da parte di Amadeus e che venga riaffermato l’impegno della RAI nella lotta alla violenza, alle discriminazioni e ai pregiudizi di genere. Abbiamo, inoltre, inviato una lettera
specifica anche al Presidente della Commissione Vigilanza RAI Alberto Barachini chiedono un suo
intervento immediato».

1 Commento su Sanremo, l’assessora Bora: «Basta a messaggi violenti contro le donne. La Rai promuova la cultura del rispetto»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.