Sanremo, voti ai look della terza serata...e primi scivoloni | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Sanremo, voti ai look della terza serata…e primi scivoloni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

E-TENDENZE/ a cura di Elisabetta Landi

Ecco voti e commenti dei look della terza serata di Sanremo 2018.

Michelle Hunziker: Nella terza serata se la giocava con gli abiti di casa Trussardi, decisamente sotto il livello degli stilisti delle prime due serate.

Dal look dei capelli è subito chiaro lo stile vintage, il richiamo agli anni ’20 e alle grandi dive del passato, ma gli abiti non sono all’altezza delle aspettative.
Scopriamo poi che Trussardi ha pensato agli abiti ispirandosi a tre personaggi del passato, Cenerentola, Marlene Dietrich e Dafne.
Il primo abito “Cenerentola” rende giustizia alla bellissima conduttrice, blu con scollo a punta, trasparenze e Swarosvki nella parte superiore, ma a risaltare è il ciondolo di Tiffany, uno zaffiro a goccia con diamanti in tono con l’abito che ci ricorda ” il cuore dell’oceano”, collana della Rose- Kate Winslet- di Titanic. Voto 7.
Veniamo al secondo abito “Marlene”, un bicolore che spezzava la silhouette, un mezzo tailleur che la invecchiava allargandole i fianchi, sembrava un abito da sposa più che matura. Beh, poche potevano superare una prova così e Michelle ce l’ha fatta. Voto 6 per il coraggio.
Il terzo abito “Dafne” rosa confetto, da ballerina di liscio!
Michelle supera anche la prova di un modello che le faceva pieghe sul punto vita e non la valorizzava. Voto 6.
Noemi: liberata dalla tuta fasciante della prima serata per niente azzeccata su di lei, sboccia in un abito lungo in seta devoré trasparente, con una scollatura che era più un’apertura, a rischio incidente sexy! Coraggiosa e fiera senza bisogno dell’aiuto delle coppette adesive push up della Hunziker. #noemiasenolibero#vivalemorbidezze Voto 8.
La ballerina acrobata: Sarah Patricia Jones in arte Paddy Jones, 83 anni inglese è la ballerina di salsa acrobatica più anziana al mondo, vera protagonista della canzone de Lo stato sociale, ” la vecchia che balla” è un inno alla vita e alla passione per il ballo. Voto 10.
Pierfrancesco Favino: nell’imitazione di Steve Jobs indossa dei jeans attillati chiari inguardabili, neanche Sarcina avrebbe osato tanto. Voto 4.
Lodo Guenzi: frontman de Lo stato sociale, definito “il rivoluzionario romantico”, si veste per vivere e non vive per vestirsi ma sul palco dell’Ariston usa la moda per lanciare messaggi con scritte sulle t-shirts e bigliettini appuntati sulla giacca…look riusciti, una ventata di giovinezza e di sana protesta! Voto 7.
Mudimbi: il rapper marchigiano di origini congolesi debutta a “Sanremo giovani” con abiti creati per le serate da Carlo Pignatelli, che saranno diversi per colori  e modelli ad ogni performance. Di giorno, fuori dal palco, gli abiti dell’artista sono firmati Diesel, Frankie Morello, American Vintage. Bello ed elegante e possibile vincitore delle nuove proposte, felici ci sia un giovane marchigiano su un palco così prestigioso . Voto 8.
Eva Pevarello: La cantante ex di X-factor approda fra i giovani ma l’esperienza con Luca Tommassini nel noto talent di Sky, non sembra esserle servita per azzeccare il look, l’abito appena abbozzato è uscito dagli avanzi di tessuto per le tende? Speriamo di vederla meglio stasera. Voto 3.
Marco Zingaretti: Inviato speciale dalle Marche, elegante e impeccabile in un completo della Bussola moda di Senigallia, con un tocco di originalità nel tessuto della giacca a pois bianco e nero come il papillon. Bravo Marco! Voto 8.
Luca Chiaravalli: il direttore d’orchestra più rock e horror sul palco di Sanremo, riconferma il chiodo borchiato ma in rosso! rock’n roll never dies! Voto 8.
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.