Santiago è tornato dalla sua famiglia, ora andrà a Torrette | Password Magazine
Festival Pergolesi

Santiago è tornato dalla sua famiglia, ora andrà a Torrette

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA- L’orologio segna le ore 17.30, ora in cui Santiago Loccioni è finalmente tornato nelle Marche, dopo un volo che è sembrato un esodo, così come tutta la sua vicenda..

Da Bangkok ad Amsterdam, e da Amsterdam a Roma. Santiago torna dopo mesi su suolo italiano, pronto per essere trasferito all’Ospedale Torrette di Ancona.

Per lui era stato richiesto un volo di stato, mai avvenuto. Tante le promesse fatte e le porte bussate: non è stato sufficiente l’intervento del Tribunale del Malato di Jesi, dell’Avvocato Corrado Canafoglia, tantomeno la lettera del vescovo Gerardo Rocconi al Papa. La solidarietà dimostrata per riportare al più presto Santiago a casa è arrivata anche dal Sindaco Massimo Bacci, dall’Assessore  ai Servizi Sociali Marialuisa Quaglieri e dalla Deputata Parlamentare Martina Parisse.

Tanta l’apprensione dei famigliari che lo hanno atteso in Italia, a partire dal padre Marcello, che ha potuto finalmente rivedere dopo mesi suo figlio: “ Ringrazio tutte le persone che hanno aiutato Santiago a tornare a casa: i politici, l’avvocato, e la stampa che ha scritto e dato voce alla nostra storia, Pasquale Liguori del TDM di Jesi: purtroppo l’unione di queste forze non è stata sufficiente per far attuare un volo di stato, ma ora mio figlio è finalmente qui vicino a me”.

Appena arrivato, Santiago è lucido e allo stesso tempo provato dal lungo viaggio: ora spetta all’equipe medica di Ancona occuparsi del ragazzo, che verrà sottoposto a nuove operazioni in grado di scongiurare lo stato di paralisi permanente.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.