Santiago, un «cordone umanitario» lo ha riportato a casa | Password Magazine
Festival Pergolesi

Santiago, un «cordone umanitario» lo ha riportato a casa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

santiago

JESI Santiago sta affrontando la sua degenza al Reparto Malattie Infettive di Torrette con il morale alto e il suo viaggio di ritorno non ha aggravato la sua situazione clinica: questa la prima buona notizia che abbiamo dal ritorno in Italia del 29enne jesino, Santiago, dopo l’incidente avuto in Thailandia a Chang Mai.

Il suo rientro in Italia ha messo in moto quello che il suo legale, l’avvocato Corrado Canafoglia, ha definito “cordone umanitario”, fatto di tante persone che lui e la famiglia di Santiago, rappresentata dal padre Marcello Loccioni, hanno voluto ringraziare in sede di conferenza stampa:

«Grazie alla precedente conferenza stampa, che ha reso virale la storia di Santiago, si è sbloccato un susseguirsi di interventi che hanno permesso al giovane di tornare finalmente in Italia e ricevere le cure che merita: nella difficoltà di una situazione di pandemia globale, sono state tante le problematiche che hanno ostacolato la sua partenza, ritardandola. Partiamo col dire che il costo di permanenza delle cure in Thailandia ammontano a 45.000 euro, una cifra insostenibile con le sole forze della famiglia. A questo costo si aggiunge quello dei biglietti per la compagnia aerea, la Swiss Air, che ha rimandato per ben tre volte la partenza dalla Thailandia per poi infine negarla – spiega Canafoglia-. Il volo di Stato, che ha anch’esso i suoi costi, era l’ipotesi secondaria: la prima era quella di verificare quali compagnie effettuassero voli per l’Europa. Delle due compagnie aeree, ringraziamo la KLM, che ha permesso a Santiago di viaggiare in tutta sicurezza in un volo di linea».

Canafoglia

Per favorire il ritorno tempestivo del ragazzo anche molte figure politiche del territorio sono state contattate, invano. Tra questi, però, è emersa la sensibilità del Sindaco di Jesi Massimo Bacci e dell’assessore ai Servizi Sociali Marialuisa Quaglieri: «Siamo felici che dalla nostra ospitalità in Comune ci sia stato un buon esito. Ora è però sempre più importante fare squadra, non trascurando l’aspetto economico, per cui è necessario dare un supporto alla famiglia Loccioni» spiega Bacci.

La macchina della solidarietà e della cooperazione è partita dall’Ambasciata Italiana a Bangkok, nella figura del Dottor Giovanni Poggiani, Capo della Cancelleria Consolare, e nel Corpo Diplomatico Italiano in Olanda: lo stesso Dottor Poggiani ha accompagnato Santiago all’imbarco dell’aeroporto di Bangkok, mentre è stato poi il corpo diplomatico a prendersi cura del ragazzo nella tratta da Amsterdam a Roma Fiumicino.

«Da padre, ho avuto tanta paura per questo viaggio di ritorno: sapendo che non avrebbe resistito per ore in posizione eretta, soffrivo solo all’idea di veder peggiorare le sue condizioni- spiega il padre Marcello– Sono venuto poi a sapere da mio figlio che ha fatto un viaggio di ritorno stupendo, reso tale dall’umanità che ha contraddistinto le persone che lo hanno accompagnato».

Tra questi, va menzionata anche la sua accompagnatrice thailandese, che lo ha assistito dal Camilla Hospital di Bangkok fino all’Ospedale di Torrette, e che alloggia temporaneamente in una struttura messa a disposizione dalla Caritas di Jesi.

La tratta Roma- Torrette è stata inoltre organizzata dal Dottor Mario Giusti il quale, appresa la storia di Santiago, si è prodigato per organizzare al meglio l’equipe medica di accompagnamento.

Bacci+ Quaglieri

L’assessore Quaglieri ha colto poi l’ occasione per ribadire non solo quanto è importante la forza di una comunità, ma anche il valore di disporre di una sanità pubblica: «Quando sono stata contattata dal signor Marcello, è stato impossibile non rispondere al suo appello: da qui sono riuscita a mobilitare l’Asur, con la quale sono riuscita a stabilire la struttura migliore per accogliere lui e  in seconda fase, grazie alla Fondazione Caritas di Jesi, una struttura per accogliere la sua accompagnatrice, togliendo così un peso e un pensiero a Marcello, che ora ha bisogno di stare vicino a suo figlio e non avere ulteriori pensieri».

Al momento attuale, Santiago dovrà attendere almeno 15 giorni prima di essere trasferito, con molte probabilità, al Reparto di Neurochirurgia: da una prima tac è emerso, secondo il giudizio del primario di Neurochirurgia, il Dottor Roberto Triggiani, che le operazioni effettuate oltreoceano sono state realizzate in maniera eccelsa.

Santiago ha sensibilità al corpo, tuttavia non riesce a muovere le braccia, mentre le sue gambe si muovono tramite spasmi: gli esperti hanno espresso un parere positivo, per cui ci potrebbe essere la possibilità che il ragazzo possa riacquistare la mobilità del corpo.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.