Scatti nell’ex ospedale, l’artista Tilio: «Io un ponte silenzioso tra emozioni e luoghi abbandonati»

JESI – Sono oltre 70 le persone che nella giornata di ieri hanno preso parte alla performance fotografica all’ex ospedale di viale della Vittoria. Un’iniziativa lanciata e promossa dalla fotografa jesina Francesca Tilio che, grazie alla collaborazione del Comune di Jesi e Asur, ha immortalato con il suo obiettivo le ultimi immagini dell’edificio oramai fatiscente e in via di demolizione.  Un progetto di memoria storica unico che ha reso protagonisti anche i cittadini: sono circa 55 gli scatti realizzati, molti dei partecipanti hanno lasciato anche una testimonianza vocale.

Gruppi di massimo dieci persone, ogni 30 minuti, venivano accompagnate dall’ex obitorio fino alla location individuata dalla fotografa. I reparti utilizzati per la performance – luoghi simbolici scelti in base all’epoca – sono stati ortopedia all’ospedale vecchio (l’unica parte del complesso che non sarà demolita in quanto storica), e oculistica nell’edificio più recente.

Ripercorrere quei corridoi, rivedere quei reparti, le sale d’attesa, le stanze e le scalinate, da tempo chiusi al pubblico e in completo abbandono, è stato per molti un’esperienza emozionante: tra i partecipanti medici, infermieri e personale sanitario che in quegli ambienti hanno trascorso una parte determinante della loro vita ma anche mamme, famiglie, coppie di amici, cittadini. C’è chi ha provato sensazioni talmente forti, ricordando la malattia o la perdita di un parente, da scoppiare in lacrime e chi invece ha sentito gioia pensando alla nascita di un figlio o ad altri ricordi belli.

Anche l’artista Tilio ha raccontato di essersi emozionata: «Mi sono sentita un po’ un ponte silenzioso tra le emozioni della gente e lo spazio abbandonato – ha detto -. Non potevamo assolutamente immaginare la vibrazione che abbiamo sentito fin dentro le viscere per aver permesso, attraverso una performance artistica, di fare entrare altre persone in spazi non dimenticati». Per la fotografa è stata una vera cerimonia di commiato:  «Ora la storia continua, forse troveremo altre forme per celebrare la memoria del vecchio ospedale, ma quello che è successo ieri è stato magico e tanto tanto emozionante».

Infine, aggiunge: «Grazie di cuore a chi ha creduto nell’idea e mi ha aiutata a sostenerla, attuarla e diffonderla: a Romina Gattaceca, Simona Cardinali, Sabrina Maggiori, Jesi Cultura e Turismo (Comune), Asur, ma grazie anche a Martina Barocci, Federica Micheli, Alessandro Tarabelli e a tutti quelli che hanno perso ore di sole e mare per calpestare quella polvere del passato che si deposita sopra tanti ricordi della nostra vita».
A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*