Scavi in Piazza Colocci: che fare? La parola ai cittadini

JESI – La recente scoperta degli scavi archeologici in Piazza Colocci a Jesi sta dividendo l’opinione pubblica. Siamo andati in giro tra i commercianti e i cittadini per chiedere che cosa ne pensano e dal sondaggio emerge una particolare attenzione verso il patrimonio culturale. Ecco che cosa è emerso.

Matteo Giampieri– Presidente Ente Palio San Floriano

“È un vero peccato se gli scavi in piazza Colocci venissero chiusi, poiché verrebbe impedito alla cittadinanza e ai turisti di godere di un così importante patrimonio artistico, culturale e storico, unico nella Vallesina.

Tuttavia, è chiaro che ciò non può trascendere da valutazioni di carattere economico di non poco rilievo, e sociali, stante la necessità per i residenti del centro storico, di fruire degli spazi meno angusti del centro storico, come appunto la piazza in questione, per poter far fronte alle loro esigenze; su tutti i parcheggi.

Insomma, è un tremendo dilemma che, però, credo che l’attuale amministrazione comunale sia un grado di risolvere brillantemente.”

 

Katia Buratti– Museo Diocesano

“Il cantiere a cielo aperto si è rivelato una fantastica occasione per rendere consapevoli i cittadini di come uno scavo funziona. Penso sia stata una bella strategia. Dal punto di vista tecnico, pur non essendo un’archeologa penso che sia comunque uno scavo come tanti altri e lasciarlo a vista perennemente non è una scelta che si fa normalmente per tante ragioni tra cui la conservazione. L’ipotesi del vetro comporterebbe tantissimi problemi di umidità e trasformando la pavimentazione in un’opaca vetrata con pesanti costi di conservazione. Credo che sarebbe fantastico, viste le tecnologie moderne a disposizione, fare un’elaborazione di ciò che emerge e rendere il tutto fruibile in una versione 3d. L’ipotesi di lasciare in vista tutto credo che non sia strategicamente interessante visto che ora si sta investendo sul museo archeologico dove tutto questo potrà avere uno spazio dedicato magari a frammenti. La bellezza della piazza va vista anche nella stratificazione della storia. Ed è giusto rispettarla.”

Silvia Albertini– Atelier Pietra Luna

“Io penso che gli scavi siano stati una bella scoperta, sinceramente spero che non vengano chiusi perché ho visto che fin da quest’estate hanno attirato tanti turisti e che si sono rivelati un bene prezioso per Jesi, perché insomma non tutti riescono ad avere degli scavi, dei reperti di questa entità. Per questo penso che sia giusto tenerli in vista: ci sono voci che girano e secondo cui l’ideale sarebbe ricoprirli con una lastra di vetro, di modo che le persone continuino a vederli, a passando. Scoperto un bene così prezioso non vedo perché richiuderli senza far vedere nulla.

Tutto questo crea passeggio, genera curiosità e la gente passa volentieri. Via degli Orefici, per quanto sia la via della cultura, è meno sviluppata per le attività merceologiche rispetto a Corso Matteotti. Gli scavi possono essere un input anche per queste ultime.”

 

Carolina Giacani– Negozio Santelli

“Sicuramente gli scavi sono molto interessanti. Molte persone passano di qui appositamente per poterli vedere, siamo contenti. Sarebbe bello tenerli in vista se possibile, se è una cosa possibile da attuare. Per la mia attività creerebbe sicuramente passaggio di persone, quindi sarebbe positivo il fatto che possano rimanere aperti.”

 

Devis Spaccia– Negozio Jammin

“In realtà gli scavi erano nati con un obiettivo, poi quello che si è trovato lo si sapeva, c’è una città intera sotto di noi, ma ben venga poiché hanno portato tanto turismo, ravvivando il centro storico e questo è positivo. Secondo me sono decisamente da tenere in vista perché non ha senso tenere questa attrattiva solo per un breve periodo.”

Maria Cristina Zanotti, storica dell’arte e ricercatrice

“Mi piacerebbe che la piazza venisse ripavimentata a vetro, cosicchè possa restare sotto gli occhi di tutti, anche dei turisti, lo spaccato storico della città. Gli scavi, infatti, hanno riportato alla luce ciò che finora poteva essere appreso solo da libri e fonti storiche”. 

Marco Tombini– Brewpub Jack Rabbit

“La mia attività è parallela alla zona del cantiere. Gli scavi di Piazza Colocci secondo me come tutte le iniziative volte ad attirare il turismo a Jesi, sono ottime. Oltre a non dover essere ricoperti un’altra volta per ritornare magari al solito e orribile parcheggio in centro, andrebbero valorizzati al massimo magari anche con dei percorsi, come peraltro è stato fatto con queste visite che ci sono state con spiegazioni e guide turistiche. I turisti ci sono, io poi penso che la giunta già lo abbia dimostrato negli anni precedenti e mi sembra che la direzione sia proprio questa di spingere il turismo. Jesi poi ha una marea di occasioni che si possono sfruttare, non ultima l’enoteca regionale qui vicino a noi, che va valorizzata.

In generale ogni tipo di iniziativa che porti turisti va valorizzata, poi va da sè che anche noi ci organizzeremo di conseguenza. Con l’apertura del Museo intitolato a Federico II ci sono stati numerosi turisti stranieri, però molte attività erano chiuse comprese noi, visto che si trattava del periodo di ferie estive in Agosto e del nostro primo anno. Poi va da se’ che le attività, se c’è un buon flusso turistico, possono lavorare anche in estate, cosa che è invece attualmente abbastanza complicata perché chiaramente Jesi tende ad essere abbastanza dispersiva in quel periodo.

Per rimanere in tema scavi, io sono un grande fan dell’abolizione delle macchine dal centro storico: le macchine dovrebbero entrare, caricare, scaricare e uscire, come in tutte in tutti   quei centri storici d’Italia che sono valorizzati storicamente e turisticamente attivi, dove le macchine non parcheggiano e non transitano in certe ore, per eliminare così il flusso delle macchine e favorire invece quello dei turisti in visita.”

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*