Scavi, trovate tracce dell'antica piazza San Luca e botteghe medievali. Spuntano ossa umane | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scavi, trovate tracce dell’antica piazza San Luca e botteghe medievali. Spuntano ossa umane

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un lastricato dell’antica piazza San Luca, due pozzi cisterna e resti di botteghe medievali, orti annessi. Rinvenuto anche metà di uno scheletro umano, nei pressi della Chiesa di Sant’Agostino, ma soltanto le ossa del cranio e del busto.
È quanto rinvenuto dagli archeologi, ad una settimana dalla ripresa degli scavi in piazza Colocci.
Si inizia a fare quadro su quello che doveva essere l’antico Palazzo comunale, una struttura del XIII secolo di cui si ha cenno anche nei documenti storici. “L’edificio sorgeva sulle antiche botteghe medievali, costruite almeno cento anni prima e che si affacciavano sulla strada e, dunque, erano rivolte verso l’attuale Chiesa di Sant’Agostino e Palazzo Colocci – spiega l’architetto Matteo Tadolti, archeologo della ditta Abaco incaricata agli scavi – È sorprendente come a Jesi ci sia rispondenza tra le scoperte archeologiche e le fonti storiche: possiamo affermare che in questa piazza, intorno al XI-XII secolo vi erano delle botteghe, con i caratteristici muri sporgenti dove veniva appoggiato il bancone e gli orti sul retro, dove di fatto sono stati rinvenute ossa di animali”. E di fatto, grazie alla Soprintendenza che ha permesso di mantenere il cantiere a cielo aperto, si può ancora ammirare in piazza Colocci ciò che resta dei tipici ingressi con mura sporgenti dove veniva appoggiato il bancone. “Le botteghe davano sulla piazza e di fatto gli scavi hanno portato alla luce un antico lastricato del 1200, un esempio raro che poche città possono vantare di avere così intatto e ben conservato”.

Resti bottega

Emerge un tratto della piazza San Luca, fatta di terra battuta, pietre e sassi: “Nel Medio Evo le piazze non erano affatto pavimentate con i sampietrini – spiega Alessandro Biagioni, archeologo di Archeo in Progress – Questo piccolo fazzoletto di piazza esisteva già quando costruirono l’attuale Palazzo della Signoria. Dagli scavi sono apparsi anche poi due pozzi cisterna, di epoca cinquecentesca, che servivano a raccogliere l’acqua piovana”.

Resta ancora da studiare quanto emerso lungo il tratto che si affaccia lungo via Pergolesi mentre si cercano ancora le tracce del profferlo, la scala esterna dell’antico Palazzo comunale che viene descritta in un documento del 1248.

C’è grande interesse da parte della città per questi scavi: c’è contemplazione e allo stesso tempo preoccupazione davanti l’ipotesi di veder queste strutture riemerse dopo secoli di buio tornare sotto il suolo, nascoste dal cemento. Affollate le visite guidate organizzate dal Comune d’intesa con la Sovrintendenza: posti esauriti per domani, mercoledì 30 agosto, mentre ci si può ancora iscrivere al turno delle 18 di venerdì, ultima data disponibile. A meno che non venga fatta una proroga. Intanto gli scavi in Piazza proseguiranno, avviandosi verso una conclusione, prevista non prima di metà settembre.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.