Sciopero per #Lotto marzo, in centinaia in piazza e “Non una di Meno”

JESI – Quella di oggi è stata una giornata di lotta per il lavoro delle donne, la parità salariale, contro la violenza maschile, contro il sessismo. Lo hanno gridato le donne che hanno manifestato in centinaia oggi pomeriggio, partendo dalla parte pedonale di Corso Matteotti. Il corteo è arrivato in piazza della Repubblica preceduto da un musical-camion che è poi divenuto un palco che ha accolto interventi e letture sui temi dello sciopero.

Si è lottato ballando in piazza una coreografia internazionale di OneBillionRising, con alle spalle il teatro illuminato di fucsia. Mercerie, macellerie, studi legali, negozi di abbigliamento sono tante le attività commerciali in tutta la città che hanno esposto volantini o fiocchi rosa e neri come simbolo di adesione all’iniziativa.

Sette le associazioni coinvolte che, in squadra, hanno dato corpo e anima all’iniziativa: “Rispetto agli anni passati, abbiamo notato un maggiore partecipazione delle donne – spiega Emanuela Bartolini, di Spazio Ostello – Tuttavia, c’è ancora molto da fare, soprattutto per coinvolgere le più giovani. Magari, si potrebbe iniziare portando il nostro messaggio nelle scuole o proponendo tavoli tematici. Faremo di tutto per dare centralità in città alle politiche femminili”.

Ha aderito allo sciopero anche la Consigliera di parità per la provincia di Ancona Pina Ferraro Fazio presente alla manifestazione svoltasi a Roma.

“Pari dignità, pari diritti e consapevolezza – scrive la Consigliera – sono queste le parole chiave da rendere concrete e reali affinché ogni donna nel mondo, possa sentirsi libera e realmente autonoma nel percorso di emancipazione e di dignità. Inoltre, non dimentichiamoci che la povertà ha un volto femminile: la crisi economica colpisce maggiormente le donne; questo un altro punto nevralgico su cui avviare politiche attive del lavoro e strumenti di supporto alla conciliazione vita/lavoro per uscire fuori da una crisi economica che ha visto e vede colpite, in misura sempre più rilevante le donne. Le donne, ancora oggi, si trovano ad affrontare una crisi silenziosa che peggiora e indebolisce la loro condizione. Prima della crisi economica la disoccupazione, il lavoro precario e a tempo parziale, i salari bassi e le carriere lente già colpivano le donne più degli uomini. Oggi, con gli effetti delle politiche di austerità, alle donne viene inflitta una doppia punizione. Occorre agire ora, con strumenti adeguati, con misure e azioni di sistema perché la democrazia di un paese si misura con la piena dignità dei diritti di tutte le donne che in quel paese vivono e vogliono contribuire alla sua crescita”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*