Sciopero addetti pulizie in Comune, Bacci: "Perplessità in merito" | | Password Magazine

Sciopero addetti pulizie in Comune, Bacci: “Perplessità in merito”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Con rammarico prendo atto dello sciopero indetto dalla Cgil”.

Così il sindaco Massimo Bacci in merito ai due i giorni di sciopero di tutti i lavoratori dell’appalto pulizie dei locali del Comune di Jesi dipendenti della CM service. L’astensione riguarda il 16 e 17 maggio, con presidio il 16 davanti al Comune di Jesi. La vertenza è nata a seguito di un forte calo delle ore, pur restando il numero dei locali da pulire, i lavoratori rischiano di non maturare la copertura contributiva nell’arco di un anno.

“Abbiamo predisposto il nuovo contratto d’appalto aumentando sia il corrispettivo che le ore di lavoro, proprio recependo i suggerimenti della Camera del Lavoro rispetto al vecchio contratto – fa sapere il Sindaco – Fra l’altro, avevamo già incrementato le ore dell’appalto precedente e addirittura, per un periodo, ci eravamo fatti carico delle retribuzioni delle lavoratrici, avvalendoci di una norma di legge, nel momento in cui la precedente ditta era venuta meno. Relativamente alla situazione attuale, la ditta appaltatrice sta applicando il contratto con una sua interpretazione, rispettandone tuttavia – a quanto mi dicono i tecnici – i requisiti previsti dalla normativa, e il Comune può fare ben poco. Situazione che la stessa Cgil e le altre sigle sindacali, con le quali abbiamo risolto in questi cinque anni tante problematiche del passato azzerando la conflittualità, conoscono bene. In buona sostanza, le tempistiche di questo sciopero mi lasciano un pochino perplesso”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.