Scontro sul bilancio: PD “Fallimentare perdita”, Jesiamo “PD irresponsabile e in stato confusionale”

JESI – Duro botta e risposta a suon di comunicati tra PD Jesi e le due liste civiche di maggioranza nate dall’associazione Jesiamo, l’omonima Jesiamo e Jesinsieme.

Questa la nota stampa del PD Jesi: “La maggioranza ieri ha approvato il bilancio consolidato 2017 del Comune di Jesi che chiude con una fallimentare perdita di oltre 1 milione di euro (€1.025.691,51 per l’esattezza). E questo risultato non migliora certamente se ci limitiamo alla sola gestione caratteristica, dove la perdita è di oltre 800.000 euro (non prendendo così in considerazione la gestione straordinaria, fiscale e finanziaria).
Forse sarebbe il caso di fare un attento esame delle criticità del bilancio consolidato, poiché nel 2016 il risultato della gestione caratteristica chiudeva anche quella volta con una perdita di oltre un milione e non erano comprese ProgettoJesi, Arca Felice e Campo Boario.
Anche in sede di approvazione del rendiconto del Comune 2017 qualche mese fa avevamo evidenziato la presenza di criticità nel bilancio, con un Comune che ha difficoltà ad incassare le proprie entrate. A riguardo ricordiamo le stesse perplessità dei revisori dei conti sull’esplosione dei residui attivi (crediti da riscuotere) per ben 25 mln di euro o le difficoltà nel recupero dell’evasione IMU e Tarsu/Tia/Tasi accertata.
Ora come al solito il Sindaco ci dirà che è colpa di quelli che c’erano prima, oppure che la perdita dipende da Arca Felice (che nel 2017 chiudeva con un utile di € 38.375) ma nel 2017 c’era sempre questa amministrazione e quella precedente era sempre sostenuta delle liste civiche cittadine”.

 

Subito arrivata la dura replica delle due liste di maggioranza Jesiamo e Jesinsieme: “Il PD Jesino rispecchia, e non poteva essere altrimenti, la totale confusione che questo partito sta attraversando a livello nazionale. Pubblicare un comunicato stampa come quello di ieri sul bilancio consolidato, disconoscendo di fatto tutto il recente passato amministrativo della città, è un atto di totale irresponsabilità. La stessa irresponsabilità di chi, con operazioni azzardate fatte tempo fa, continua a farne pagare oggi le spese ai cittadini con mancanze di risorse economiche notevoli da investire sulla città.

Non diremo che la colpa è delle amministrazioni passate, di questo tutti ormai ad esclusione del Partito Democratico ne abbiamo preso coscienza. La colpa più grave è dell’attuale PD, di chi ancora tenta di nascondere polvere sotto i tappeti, come a dire “noi non ne sappiamo nulla, non c’eravamo”. Forse sarebbe più responsabile ammettere le colpe di un passato che è, nell’oggettività dei fatti e dei bilanci delle partecipate, chiaro e dannoso ancora oggi. Strano che lo stesso PD non menzioni come, nell’ultimo Consiglio Comunale, sia spuntato fuori un altro debito fuori bilancio di 470 mila euro per l’escussione di una fideiussione rilasciata a favore del Consorzio Zipa. Il fatto che sia stata sottoscritta dalla precedente amministrazione, si potrà dire? Oppure ormai è ridondante, scontato, fastidioso?

Rinnoviamo pertanto al PD, visto che è sempre stato rifiutato, l’invito a confrontarsi pubblicamente sui conti di bilancio e vicende connesse, sempre che se ne abbia memoria. Non si preoccupi il Partito Democratico, nella difficoltà abbiamo preso questa città e nelle future difficoltà continueremo ad amministrarla con senso civico e serietà perchè, parafrasando una storica citazione sulla responsabilità, può darsi che non siamo responsabili per la situazione in cui ci troviamo, ma lo diventeremo se non faremo nulla per cambiarla”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*