Scoperta una galleria sotterranea nei locali dell'ex- enoteca regionale | | Password Magazine

Scoperta una galleria sotterranea nei locali dell'ex- enoteca regionale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una galleria sotterranea, dalla lunghezza ancora da valutare, è stata rinvenuta nei locali dell’ex enoteca regionale in via Federico Conti, oggetto dei lavori di manutenzione straordinaria per ospitare il nuovo Polo Enogastronomico. La scoperta è avvenuta casualmente da parte degli operai che stavano cercando di individuare l’origine di una infiltrazione presenti in una parete. Rompendo parte del muro, si è aperto un foro che ha messo in luce la retrostante galleria. Da un primo esame sono state notate due rampe di scale che scendono verso il basso.

Del fatto è stata data notizia alla Soprintendenza, con la quale poi si concorderà un sopralluogo più approfondito per capirne la rilevanza storica e la profondità.

Gallerie sotto il centro storico di Jesi non sono una novità. Sono presenti in numerose abitazioni private e oggi sono state in larga parte trasformate in cantine dai rispettivi proprietari. Di origini finanche medievali, probabilmente molte erano in passato collegate l’una l’altra, salvo poi, nei secoli successivi, essere murate per delimitare le singole proprietà private. Verosimilmente anche questa galleria, essendo all’interno di un palazzo storico, dovrebbe avere la stessa origine. I prossimi accertamenti faranno comunque piena luce.

Di certo il rinvenimento – che potrebbe offrire un ulteriore suggestivo ambiente per i locali che ospiteranno il nuovo Polo Enogastronomico – non ha interrotto i lavori che proseguono speditamente al piano terra ed al primo piano con l’inaugurazione fissata per il prossimo 2 settembre in occasione del press tour “Collisioni”. Per i locali dell’ex enoteca il completamento dei lavori è previsto invece per ottobre, salvo decidere cosa fare della galleria che, qualora fosse di interesse storico ed artistico, potrebbe essere valorizzata in un secondo momento con un intervento specifico.

 

 

 

 

(Foto d’archivio)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.