Scoperto il gene del pessimismo | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scoperto il gene del pessimismo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nella vita bisogna sempre sorridere, dicono. Eppure, non è facile analizzare i fatti e le situazioni sempre sotto una luce positiva!
Anzi, cӏ proprio chi non ci riesce.

Il pessimismo, infatti, potrebbe anche essere scritto nei geni.

E’ stato trovato un gene che amplifica l’importanza che diamo alle esperienze negative e alle emozioni negative.

In pratica è come se gli individui portatori di questo ”gene pessimista” vestissero un paio di lenti grigie davanti agli occhi, che gli fanno vedere il mondo in negativo. La scoperta si deve al team di Rebecca Todd della University of British Columbia in Canada ed è unica nel suo genere perché è la prima volta che si trova una variante genetica che ha un impatto significativo su come le persone vedono e percepiscono il mondo intorno a loro. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Psychological Science.

Il gene in questione, ADA2b, è un volto noto ai ricercatori, ed è associato con l’attività del neurotrasmettitore e ormone norepinefrina. Gli esperti hanno osservato il genoma di 200 individui precedentemente sottoposti a una sorta di ”test del pessimismo”. Il campione doveva cioè leggere una serie di parole con connotazione negativa, positiva o neutra dal punto di vista emotivo. Poi gli hanno chiesto di descrivere le parole appena lette e visto che alcuni partecipanti si concentravano più sui vocaboli con valenza emotiva negativa, altri su quelli con valenza negativa. Incrociando questi dati con quelli genetici è emerso che i ”pessimisti” avevano nel proprio Dna questa variante genetica ADA2b e gli ottimisti no.

Secondo gli esperti l’attenzione alle parole negative nel test è un segno che alcune persone nella loro vita quotidiana danno più peso ai dettagli negativi o pensano in negativo, soffermandosi sempre sui pericoli o sulle cose che no vanno.

Sulla base di questo studio, almeno in parte questa indole potrebbe avere radici genetiche.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.