Scout e ambiente: una giornata all'Oasi di Ripa Bianca | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scout e ambiente: una giornata all’Oasi di Ripa Bianca

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Noviziato Jesi 6 e Noviziato Pianello (foto scattata prima del Covid19)

JESI – Esperienza all’Oasi di Ripa Bianca per il gruppo Scout del noviziato Jesi 6, in collaborazione con il noviziato di Pianello: una giornata per la salvaguardia della riserva naturale.

Si è svolta domenica l’impresa del noviziato Jesi 6, in collaborazione con il noviziato di Pianello, all’oasi di Ripa Bianca. In gergo scout, per ‘impresa’ si intende un percorso che nasce con l’individuazione di un problema, del suo successivo studio e analisi, e si conclude con la messa in pratica di una possibile soluzione: «I ragazzi che hanno preso parte all’impresa hanno tutti 16 anni e hanno individuato come problema quello della natura e dell’inquinamento – spiega Luca Ceccarelli, il maestro dei novizi – e quindi hanno organizzato una giornata per cerca di migliorare la situazione, con un’azione pratica». I ragazzi hanno iniziato la loro impresa occupandosi prima di tutto della parte didattica: grazie ai responsabili dell’Oasi, i due gruppi scout hanno fatto una visita guidata nel parco scoprendo tutte le caratteristiche del luogo. Successivamente, si sono focalizzati sulla parte pratica dell’impresa, ovvero quella di “lasciare un’impronta” e fare da esempio per la cittadinanza, occupandosi quindi di costruire dei piccoli rifugi in legno per la salvaguardia di alcuni volatili. E per concludere, l’impresa prevedeva la condivisione delle conoscenze apprese con la comunità, con l’obiettivo finale di informare i cittadini di quanto sia importante mantenere stabile la situazione ambientale in questo periodo, attraverso una visita guidata fatta da i ragazzi stessi: «Purtroppo, a causa del coronavirus siamo stati costretti a limitare il numero dei partecipanti e dunque quest’ultima parte non l’abbiamo potuta mettere in atto – continuaCeccarelli – ma siamo comunque riusciti a concludere questo nostro percorso, centrando l’obiettivo che era quello di andare oltre la semplice raccolta dei rifiuti, per rispettare l’ambiente e salvaguardare le riserve naturali e fare la nostra piccola differenza. Sono orgoglioso del lavoro fatto dai ragazzi, Alessandro, Emma, Silvia e Giorgia, del noviziato di Jesi 6, perché da questa esperienza hanno riscoperto l’importanza e la bellezza della natura e quanto sia importante proteggerla. E per concludere, vorrei ringraziare i capi Scout di Pianello per la loro disponibilità e aiuto nell’esperienza, e i responsabili dell’Oasi Ripa Bianca per averci accolto e fatto riscoprire questo meraviglioso luogo».

Il messaggio che questi giovani ragazzi hanno voluto lanciare e trasmettere è chiaro: prendiamoci cura del nostro pianeta, rispettandolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.