Screening di massa, da domani test per 350 mila persone: ecco chi potrà farlo e come | Password Magazine

Screening di massa, da domani test per 350 mila persone: ecco chi potrà farlo e come

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Screening di massa, domani si parte. Acquistati dalla Regione 2 milioni e 200 mila tamponi, la spesa prevista per l’operazione è 2 milioni di euro per i tamponi e 600 mila euro per il personale che, da venerdì 18 dicembre, inizierà lo studio che consentirà di tenere sotto controllo il virus.

«Uno strumento che mettiamo a disposizione come Regione per cercare di trovare, isolare e tracciare il virus – sono le parole del governatore Francesco Acquaroli -. ed è la più grande arma che abbiamo per alleviare la pressione sulle strutture sanitarie e mettere in sicurezza la popolazione. La collaborazione è importante e fondamentale, credo che tutti noi dobbiamo dare contributo per far sì che ci sia forte sensibilizzazione a riguardo».

«Con questo test, siamo in grado di garantire un accertamento gratuito a tutti i marchigiani, tutelando uno dei diritti fondamentali riconosciuto dalla Costituzione, quello alla salute – fa sapere l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini -. Con questa operazione di screening potremo mappare il virus, verificare la presenza di cluster sul territorio, responsabilizzare gli individui. Chi sa di essere positivo e asintomatico dovrà adoperarsi per non estendere l’epidemia, evitando contatti con i propri familiari e sul luogo di lavoro. Questo ci consentirà di misurare tutti gli interventi successivi per frenare il fenomeno».

E aggiunge: «Valutate che, a fine anno, probabilmente inizierà anche la vaccinazione per il personale sanitario e a fine febbraio quella per le fasce deboli, ovvero per la popolazione con più di 60 anni. La struttura organizzativa sanitaria che mettiamo in campo potrà essere usata anche per la vaccinazione (che mobiliterà circa un paio di milioni di persone). Va sottolineata la cooperazione che c’è stata da parte del personale volontario quale ANPAS, CRI, Protezione civile e dei sindaci». Nessuno si potrà sentire libero dalla responsabilità, anche se il test risultasse negativo: «Appello al civismo per evitare che questo fenomeno possa mettere l’Italia e, in particolare, la nostra Regione in ginocchio». Tra le novità annunciate da Saltamartini anche l’aumento dei posti di terapia intensiva nelle Marche che passeranno da 193 a 223 raggiungendo gli standard previsti e consentendo così di incidere positivamente sull’indice Rt che stabilisce il colore poi delle Regioni.

Cittadini potranno eseguire test antigenico rapido e se, risultasse positivo, ci sarà l’ulteriore verifica con il molecolare.

Come è noto, si partirà dai capoluoghi di provincia. La dottoressa Lucia Di Furia del Servizio Sanità Regionale ha spiegato come funzionerà lo screening: «La popolazione target è tutta la popolazione marchigiana, compresi i bambini che possono effettuare il test a partire dai 6 anni, ovviamente accompagnati dai genitori – spiega -. Ci sono ovviamente criteri di esclusione: non possono sottoporsi al tampone chi ha la febbre o comunque altri sintomi riconducibili al covid, le persone che sono in malattia per altri motivi, quelli che sono già in isolamento per positività e dunque che devono concludere un percorso sanitario già avviato; quelle testate recentemente e risultate positive, le persone in quarantena e in isolamento fiduciario, le persone che hanno già prenotato tamponi molecolari presso altre strutture. Esclusi poi i professionisti che eseguono con regolarità test presso la struttura di lavoro, parliamo dunque del personale socio-sanitario, e i ricoverati negli ospedale e nelle case di cura e di riposo».

«La partecipazione è gratuita, il tampone naso-faringeo dà risposta in 15 e 20 minuti, è sicuro e credibile – aggiunge  -. Se positivo, il cittadino inizierà immediatamente il proprio percorso e questo andrà a beneficio della comunità».

Sono state messe in campo modalità di accesso semplici, raccontate così dalla dott.ssa Nadia Storti, direttore dell’Asur regionale: «Si potrà effettuare il tampone tutti i giorni dal 18 al 23 dicembre, compresi festivi e prefestivi, dalle 8 alle 20. Per ogni Area Vasta abbiamo individuato gli spazi per raggiungere i 350 mila abitanti, somma di questi capoluoghi di provincia. Ci aspettiamo di poter controllare il 70% della popolazione e per questo, in perfetta sintonia e in collaborazione con i Comuni, abbiamo individuati aree molto grandi dove poter concentrare più postazioni. Ci sarà la possibilità di far arrivare il cittadino già con il consenso informato e una piccola comunicazione di dati anagrafici che si può scaricare dal sito dell’Asur e dei Comuni».

La filiera del test per il cittadino

Primo step sarà la registrazione con certificato compilato o tessera sanitaria. Il personale sanitario provvederà poi ad effettuare il test. Poi ci sarà l’elaborazione del tampone prelevato e la conseguente lettura da parte di medici. C’è poi il check out tramite personale di volontariato. In ogni area possono esserci fino a 10/14 postazioni, quindi contemporaneamente potranno essere effettuati test a 10/14 persone uno spiegamento di forze per ogni turno che va da 18 a 24 persone. Su tre Aree Vaste è possibile prenotarsi tramite numeri, sia ad Ancona, Macerata che ad Ascoli Piceno abbiamo il sistema di prenotazione per scaglionare il numero di arrivo dei cittadini. A Fermo vale l’ordine alfabetico, a Pesaro-Urbino c’è la suddivisione in quartieri.  Ci saranno presidi delle forze dell’ordine, volontari e Protezione civile che assicureranno lo svolgimento in sicurezza dell’attività di screening.

Dopo questa prima fase, che durerà fino al 23, dicembre, da gennaio seguirà lo screening nelle città con più di 20 mila abitanti (una quindicina di Comuni tra Senigallia, Jesi, Osimo, Fabriano, Falconara Marittima, San Benedetto del Tronto, Porto Sant’Elpidio, Civitanova Marche, Recanati e Fano) per poi proseguire con la seconda fase, che coinvolgerà tutti gli altri comuni marchigiani con meno di 20 mila abitanti, per un target di 819.749 cittadini.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.