«Screening, noi tutti abbiamo dato il meglio senza guardare l'orologio ma solo i bambini» | Password Magazine

«Screening, noi tutti abbiamo dato il meglio senza guardare l’orologio ma solo i bambini»

La dottoressa Anna Maria Totaro risponde alle perplessità sollevate da alcuni genitori sulla gestione dello screening

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  «I detrattori sono sempre i migliori consiglieri ed è a loro che bisogna dare ascolto» dice la dottoressa Anna Maria Totaro, uno dei medici del Carlo Urbani impegnati volontariamente nello screening scolastico. Come non darle ragione? Lei che è stata costretta a sottrarre tempo ai suoi pazienti per intervenire sui social in difesa dell’operato di medici e infermieri davanti alle critiche mosse da qualche genitore sul modo di gestire l’iniziativa.

Sulla scia di una metafora dantesca, la Totaro scrive : «Voglio raccontare la storia dal punto di vista chi ha partecipato fattivamente al progetto come cittadino, come volontario, come mamma e per finire come medico».

In piena pandemia, «in quella che è stata la peggiore ondata, con un alto tasso di circolazione del virus» nasce l’idea di «riportare in classe i ragazzi con il maggior grado di sicurezza possibile sperando di riuscire ad identificare, con un test antigenico rapido eventuali positivi che potessero rientrare in classe, ricordando che la maggior parte di questi bambini quando positivi sono, fortunatamente, asintomatici».

Screenshot_20210406-200859_Photos~2

Su oltre 1500 tra bambini e ragazzi che hanno aderito allo screening, sono stati due i casi positivi registrati, confermati anche dal test molecolare. Una situazione ridimensionata rispetto al quadro più allarmante di lunedì scorso in cui una quarantina di ragazzi erano risultati (falsi) positivi al tampone rapido. Ragion per cui alcuni genitori, nell’attesa di un esito che tardava ad arrivare, erano ricorsi l’indomani al molecolare a proprie spese per scongiurare la paura e fugare ogni dubbio.

Come è stata finanziata l’operazione. «Volontariato ed Istituzioni nella figura dell’Assessore con deleghe alla Sanità e servizi sociali esaminano, valutano con gli organi competenti appropriatezza e fattibilità e danno forma al progetto. E noi volontari sposiamo il suo progetto, con un sì che non è mai stato più incondizionato. Vengono messe a disposizione le migliori professionalità sul campo per ridurre al minimo la possibilità d’errore: le colleghe pediatre che hanno esperienza con le fascia di età oggetto dello screening, uomini e donne che lasciano le famiglie nei giorni di festa, i cui nomi e titoli restano anonimi (come sempre chi li ha!) e si prestano ad un‘operazione massacrante. Sì massacrante perché il numero dei pre-iscritti (a questo serviva la pre-iscrizione) è stato di gran lunga inferiore al numero di chi realmente si è presentato ai punti di screening, ma nessuno è stato mandato via, mettendo in difficoltà l’organizzazione successiva per la gestione degli eventuali positivi da sottoporre a tampone molecolare». L’impegno prosegue anche nella giornata di martedì, secondo giorno di tamponi rivolto alle seconde e terze medie: «Ragazzi fantastici, che si sono presentati in numero di ben 150 in più rispetto ai previsti». 

L’esito arrivato in ritardo. «Nessuno aveva previsto un’affluenza così elevata anche tenendoci larghi sulle pre-iscrizioni, ma anche perché abbiamo lavorato con bambini nella fascia di età dai 6 agli 11 anni, con i quali abbiamo dovuto scherzare, accarezzare nei limiti del distanziamento, rassicurare prima di fare un tampone, dilatando notevolmente i tempi…. ma noi non abbiamo guardato l’orologio ma solo i bambini, cercando di lavorare al meglio» spiega la dottoressa Anna Totaro.
«Ma non finisce lì, prendiamo le liste e cominciamo a inviare i messaggi per i tamponi molecolari.
Per cui scusate se i messaggi sono arrivati tardi, non abbiamo saputo fare di meglio ma ce l’abbiamo messa tutta. I tamponi da fare erano più del previsto….si un’affluenza di gran lunga superiore a quanto atteso»

Anche il laboratorio era in difficoltà: «Non è stato possibile tamponare tutti il giorno dopo, ricordo a chi non lo sapesse che al Carlo Urbani stiamo gestendo una pandemia».

Tutti hanno ricevuto appuntamento per il molecolare il pomeriggio del giorno successivo. «Certamente qualche disagio e apprensione per la salute dei propri cari. Qualcuno ci ha fatto cortesemente sapere di averlo già fatto quel molecolare e ci ha ringraziato dicendoci che eravamo stati anche troppo celeri visto che di solito prima di fare un molecolare per accertamento Covid si può aspettare anche una settimana, sempre perché siamo in emergenza e il sistema sanitario è sotto forte pressione e non si tratta di una legenda metropolitana. Anche qui ci dispiace per disagi e le eventuali spese che qualche famiglia, in giusta apprensione ha dovuto sostenere.
Ancora una volta non siamo stati in grado di fare meglio, ma ce l’abbiamo messa veramente tutta, tutti».
La dirigente scolastica lunedì sera ha avvertito i genitori che erano stati riscontrati molti positivi, probabilmente falsi: «Si può ricevere risposta dal Dirigente Scolastico?». Anche su questo la dottoressa risponde: «La procedura di emergenza per velocizzare le comunicazioni tenendo conto che si sono terminati di processare i tamponi in tardo pomeriggio e non ci sono operatori di segreteria a quell’ora. Poteva essere consegnata password di accesso al sistema? Certamente, non è stato fatto, qualcosa non ha funzionato, ma ancora una volta ce l’abbiamo messa tutta».
Due positivi, ne è valsa la pena? 
«La risposta è solo una: sì. Anche fosse stato solo uno: 25 potenziali amici di classe infettati, 25 potenziali famiglie; alcune di queste famiglie possiedono grosse attività al pubblico, qualcuno ha in famiglia componenti non ancora vaccinati e magari estremamente fragili. Siamo pronti se sarà necessario a scendere nuovamente in campo consci che spendere il proprio tempo e la propria professionalità per gli altri fa parte dei nostri doveri, dei doveri di tutti e consci che è umano sbagliare e che si può sempre migliorare».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.