Scritte con lo spray sulle mura alle Carcerette, i residenti: «Servono controlli» | | Password Magazine

Scritte con lo spray sulle mura alle Carcerette, i residenti: «Servono controlli»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Vandali imbrattano le mura storiche dei giardini Sacco e Vanzetti. Sfregiate le ex carceri o “carcerette” di Jesi, uno dei luoghi più suggestivi della città, con scritte e disegni per mano di ragazzini.

«Un mese fa un gruppo di giovanissimi ha festeggiato qui il compleanno di una neo 18enne – racconta una coppia del quartiere –  per divertirsi hanno pensato di imbrattare con lo spray le mura sottostanti il camminatoio».

Sulle pareti, comprese quelle sbarrate dai caratteristici cancelli ‘carcerari’, appaiono scritte di ogni genere. Le più recenti sono in vernice nera: si legge «auguri», poi il nome della festeggiata a caratteri cubitali.

La coppia fa sapere di essersi rivolta alla Polizia locale per segnalare l’accaduto: «Chiediamo più controlli: intervengano le istituzioni laddove i genitori falliscono nell’educare i propri figli al rispetto. L’ideale sarebbe installare le telecamere di videosorveglianza ma, se non fosse possibile, che almeno intervenga qualcuno dal Comune e faccia ripulire».

L’erba incolta, l’ascensore non funzionante e la presenza del cantiere alimentano il degrado: «Sopratutto durante il week end questo luogo diventa un punto di incontro di ragazzini – prosegue la coppia -. Anche sulla terrazza panoramica hanno lasciato degli scarabocchi. A volte hanno fatto anche di peggio: come quando hanno gettato un bancale sulla strada sottostante, con il rischio di colpire qualche auto in marcia. Ci sono poi delle sere in cui se ne stanno seduti sulle mura, con le gambe a penzoloni nel vuoto». Insomma, uno scenario che andrebbe maggiormente monitorato.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.