Scritte razziste sui cartelloni del ristorante Colle Paradiso, solidarietà per il titolare Ali | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scritte razziste sui cartelloni del ristorante Colle Paradiso, solidarietà per il titolare Ali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Solidarietà da cittadini e mondo della politica ad Ali Mustafa, titolare del ristorante Colle Paradiso, recentemente finito nel mirino di xenofobi. Scritte razziste e offensive sono infatti apparse infatti nei giorni scorsi su uno striscione che pubblicizzava l’attività e su un cartellone esposto fuori dal locale.
Un gesto che ha suscitato indignazione tra cittadini e rappresentanti della politica locale che hanno rivolto parole di vicinanza al ristoratore, in Italia da più di 30 anni e perfettamente integrato con la sua famiglia in città.

«Nessuno deve essere oggetto di assurdi attacchi, minacce o violenze che feriscono il nostro vivere civile – fa sapere Lindita Elezi, consigliera comunale di Patto x Jesi alla maggioranza – Per questo sono rimasta sorpresa ed esterrefatta, perchè conosco questa persona come un bravo imprenditore della ristorazione. Se assistiamo a questo vuol dire che dobbiamo impegnarci tutti per promuovere una cultura di diritti e doveri che punti alla convivenza tra tutti».
Un commento di solidarietà dall’assessore ai Servizi sociali Maria Luisa Quaglieri sulla bacheca social di Ali: «Caro Ali Mustafa vai avanti a testa alta.Tu e tuo fratello siete bravissime persone e dovete andare fieri di ciò che avete costruito».
«Nei confronti dell’imprenditore jesino un gesto spregevole e ignorante – dichiara netto il consigliere comunale Matteo Baleani, Jesiamo – fatto da persone evidentemente fuori dal tempo mosse da principi sbagliati e senza futuro».
Per Jesi in Comune: «Una frase razzista non è mai un’opinione o una goliardia, ma è una modalità di offesa criminale oltreché vigliacca, viste le modalità del caso specifico. Un episodio preoccupante che si aggiunge ad altri simili. Non si può rimanere indifferenti a riguardo».
Aggiunge Lorenzo Fiordelmondo (PD): «Massima solidarietà e sostegno a chiunque vive, pacificamente e laboriosamente, nella nostra Città, nel nostro Paese». Parole anche dalla consigliera di Forza Italia Silvia Gregori: «Va ammirata la capacità imprenditoriale di questo Signore che dimostra che lavorando, e impregnandosi seriamente con grandi sacrifici, può dare una svolta importante alla propria vita e a quella della comunità».
Solidarietà anche dal coordinamento della Lega Salvini Premier di Jesi, per voce delle sue coordinatrici Angela Console e Romina Trombetta: «Questo gesto sconsiderato deve essere fortemente condannato e perseguito – dicono – non deve accadere che un onesto cittadino si veda insultato perché di un paese straniero, o di un’altra religione o di un’altra appartenenza politica. E’ quello che succede sempre anche ai nostri cartelloni esposti in bacheca, seppur con molto meno risalto mediatico e con ancor meno solidarietà da parte di tutti».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.