Scuola: in aumento le classi in quarantena. Intervista ad Antonio Renga (Cgil Marche) - Password Magazine

Festival Pergolesi

Scuola: in aumento le classi in quarantena. Intervista ad Antonio Renga (Cgil Marche)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Didattica on line
allieva scuola didattica on line

In aumento la didattica a distanza nelle scuole marchigiane, fatto che mette in difficoltà studenti, famiglie e docenti. Una percentuale, quella delle classi in quarantena, pari al 6,1% delle classi complessivamente presenti in regione. Giorgia Latini, assessora regionale all’istruzione, la reputa “ancora bassa”, nonostante i dati siano in crescita.

«Il risultato che ci interessa-prosegue- è che la maggioranza della popolazione scolastica sia in presenza. Gli studenti sono stati penalizzati troppo dalla didattica a distanza: ce lo dicono le prove Invalsi, ma anche i medici in merito all’aumento dei casi di depressione e le problematiche di tipo caratteriale che insorgono nelle nuove generazioni».
Nel frattempo la Regione Marche è stata la prima ad investire 12 milioni di euro in impianti di aerazione meccanica. Secondo studi, la ventilazione nei luoghi chiusi avrebbe un’alta efficacia nel contrasto al Covid-19. Eppure in molte classi italiane non è ancora utilizzata: sono solo 200 le scuole che ne sono dotate.
Prosegue anche la campagna vaccinale rivolta alla popolazione scolastica marchigiana. Sono 8290 i bambini tra 5 e 11 anni sinora vaccinati: 4036 in provincia di Ancona, 2085 in quella di Pesaro Urbino, 978 in quella di Macerata, 924 in quella di Ascoli Piceno, 267 in quella di Fermo. Tra gli adolescenti 14067 tra 12 e 19 anni non hanno ricevuto neppure una dose di vaccino, pari al 12,8% della popolazione complessiva di 110.108 unità. Sono invece 96041 (87,2%) i giovani che hanno ricevuto la prima dose, 77.169 (70,1%) quelli che hanno ricevuto la seconda e 7200 quelli che hanno ricevuto la terza dose booster.

Ci dà un parere su scuola, didattica a distanza e monitoraggi Antonio Renga, Segretario regionale del comparto Scuola e Università della Cgil Marche.

Antonio-Renga

I dati delle classi in Ddi (Didattica Digitale Integrata) sono in rapida ascesa. Come affrontare questa situazione?
«La Cgil ha difficoltà a ricostruire i dati perché non sempre vengono forniti dal Ministero, tanto che dalle sigle nazionali è stata fatta una diffida del ministero per esigere trasparenza su quarantene e classi a distanza.
La situazione della scuola è ad oggi di grande difficoltà: dirigenti e personale amministrativo, oltre al lavoro che devono svolgere regolarmente, sono anche oberati dal tracciamento dei casi e dalle comunicazioni alle famiglie, entrambi a loro carico. Questo sarebbe lavoro delle Asur, che dovrebbero aumentare il proprio personale ai fini del tracciamento.
Inoltre quest’anno nelle scuole è anche stato cancellato il personale Covid. Solo alcuni istituti hanno ancora qualche risorsa per recuperare le situazioni pregresse».

Quali disagi provoca la didattica a distanza?
«Come sindacato avevamo detto a chiare lettere al Ministero che la situazione non sarebbe finita a settembre, l’avevamo previsto. La didattica a distanza può essere utile per alcuni giorni, ma non può durare più a lungo. Penalizza studenti e famiglie, non favorisce il diritto allo studio». 

Le Marche hanno investito 12 milioni di euro in impianti di aerazione, come nessun’altra regione in Italia. Cosa ne pensa?
«Quest’investimento è di certo cosa meritoria, ma staremo poi a vedere che uso se ne farà…»

Il 70 per cento circa degli studenti marchigiani sono vaccinati, eppure proseguono i contagi. A suo parere la scuola resterà un “campo di battaglia” anche in futuro, nonostante la campagna vaccinale?
«Sicuramente la campagna vaccinale dà più sicurezza. Il problema è che ad oggi non ci sono ancora presidi di sicurezza all’interno delle scuole, a meno che il singolo istituto non li abbia comprati di propria volontà. Mi riferisco in particolare alle mascherine FFP2, non ancora fornite da tutte le scuole né ai docenti (ad eccezione di quelli di sostegno), né agli studenti. D’altronde anche lo stesso comitato tecnico-scientifico è a sua volta inconsapevole di ciò che accadrà».

Si prevede che lo svolgimento delle prove del concorso ordinario (bandito nell’agosto 2020) sia alle porte. Come verranno assicurate le lezioni con quest’ulteriore personale assente?
«Le scuole stanno facendo davvero i salti mortali. Tra docenti in quarantena e automonitoraggio a carico del personale docente e di segreteria, le assenze per i concorsi sarebbero un’ulteriore aggravante. Per questo è opportuno attivare le prove di concorso nel momento di sospensione dell’attività didattica, decisamente non ora. Il problema però non mi sembra venga affrontato dal Ministero, piuttosto è lasciato nelle mani delle scuole che sono già in sofferenza».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.