Scuola Martiri della Libertà: ex tribunale o Mestica per gli alunni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scuola Martiri della Libertà: ex tribunale o Mestica per gli alunni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI -La situazione della scuola Martiri della Libertà da giorni è tornata a far discutere la politica e non solo.
Con i lavori di ristrutturazione che da tempo interessano la sede di via Asiago e le classi distribuite su tre plessi dell’IC Federico II, dopo gli appelli e sit-in di protesta in Consiglio comunale da parte delle famiglie, ora la presa di posizione delle insegnanti: «Pensiamo di esprimere le nostre numerose perplessità – dicono – sulla nuova proposta dell’Amministrazione Comunale di collocare la scuola tra il plesso della scuola Mestica e il palazzo Carotti».

La Giunta ipotizza infatti il trasferimento di alcune classi  nell’edificio settecentesco dell’ex tribunale: una soluzione per le insegnanti non adeguata sotto vari aspetti: si teme una probabile «vulnerabilità sismica», i servizi igienici sono «insufficienti», le scale «richiedono un adeguamento dei parapetti e la presenza di alcuni bambini diversamente abili un accesso facilitato e condizioni dignitose di assistenza e cura». C’è poi «l’impossibilità di appendere materiale didattico e lavagne interattive alle pareti». Inoltre, visto il periodo di emergenza, le docenti della Martiri credono che gli altri istituti della città, compresa la scuola Mestica, abbiano bisogno di recuperare spazi non solo per laboratori e attività didattiche ma anche per assicurare il distanziamento sociale.

«Per non parlare del rischio che la scuola Martiri della Libertà scompaia del tutto creando un vuoto tragico nel tessuto sociale del territorio»

Dunque quale altra soluzione per ospitare gli alunni della Martiri? Se lo chiedono anche i gruppi politici all’opposizione PD e Jesi in Comune che si sono rivolti all’Amministrazione comunale per fare chiarezza: «Stiamo parlando del sacrosanto diritto all’istruzione per tutti e tutte – afferma Jesi in Comune -, anche per gli alunni della scuola Martiri. E le risposte servono ora».

Nel dibattito, la maggioranza consiliare ha ribadito le ragioni del ritardo,  «causato non da scelte dell’Amministrazione ma da problemi della ditta esecutrice dei lavori, estratta secondo quando stabilito dal codice appalti, che ha tuttora grandi difficoltà». L’assessore alle Politiche educative Marisa Campanelli  sostiene che «sulle scuole sono stati recuperati 10 anni di inadempienze»  e che «solo i lavori alla Martiri della Libertà sono rimasti inceppati e per responsabilità non certamente imputabili all’Amministrazione comunale che sta lavorando da un lato per estromettere la ditta inadempiente, dall’altro per trovare una situazione dove ospitare le due sezioni».

L’assessore Campanelli: «La situazione di portare cinque classi al Mestica e cinque a Palazzo Carotti resta oggi la più ragionevole».

«Il Mestica – dice – ha una dotazione di 235 posti ed attualmente gli alunni presenti sono 88. Anche portando i 112 bambini del tempo pieno della Martiri della Libertà, il Mestica sarebbe ancora ampiamente sottodimensionato rispetto alle sue potenzialità. Palazzo Carotti è un edificio completamente recuperato, con spazi più che adeguati. Dire ora che il Mestica non potrà ospitare altri ragazzi per via del distanziamento sociale e che Palazzo Carotti ha criticità irrimediabili non è corretto né rispettoso».

Parole che però non convincono il gruppo consiliare PD che risponde «L’Assessore Campanelli dice che sono stati recuperati dieci anni di inadempienze? Qui se c’è qualcuno inadempiente è l’Amministrazione Bacci. Per la prima volta nella nostra città infatti ci sono alunni di interi plessi scolastici che non sanno ancora dove andare a pochi mesi dall’apertura dell’anno scolastico e non sembra che su questo tema il Comune abbia le idee chiare».

E dopo il botta e risposta tra il consigliere di Jesi in Comune Samuele Animali e l’Amministrazione comunale, la questione è pronta a tornare in Consiglio con un’ interpellanza della consigliera comunale Emanuela Marguccio del PD (oggetto: Garantire spazi adeguati alle concrete esigenze didattico- organizzative delle scuole è una priorità indiscutibile che non ammette deroghe, neanche per “lavori in corso”) considerato che se il trasferimento a Palazzo Carotti e al Mestica degli alunni resterà l’unica soluzione «creerà certi ed evidenti disagi, aggravati dalla situazione di emergenza sanitaria che stiamo vivendo».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.