Scuola Martiri della Libertà, l'assessore: «Si cerca una sede unica» | Password Magazine

Scuola Martiri della Libertà, l’assessore: «Si cerca una sede unica»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
I genitori e gli alunni della scuola Martiri della Libertà in una protesta nei mesi scorsi in Consiglio comunale.

JESI – Quale futuro per la scuola Martiri della Libertà? Se ne è parlato oggi pomeriggio, in sede di Consiglio comunale, grazie a un’interrogazione presentata dalla consigliera comunale Agnese Santarelli all’opposizione con Jesi in Comune.

«Nel 2017, l’edificio viene interessato dai lavori di adeguamento anticendio che sarebbero dovuti terminare per il mese di luglio 2018 – si legge nel documento  della consigliera -.  Successivamente, nel mese di maggio 2018, il Miur concede al Comune di Jesi un finanziamento per l’adeguamento antisismico della scuola suddetta. Il Comune decide quindi di procedere con un unico cantiere, invece che terminare i lavori previsti e riaprirne un altro successivamente».

Nel mese di febbraio 2019, secondo la ricostruzione fornita dalla Santarelli, l’assessore Renzi riferisce che i lavori termineranno per il mese di luglio dello scorso anno, così da garantire la regolare
riapertura per il successivo anno scolastico: «In realtà i tempi slittano ed il Comune riferisce che la fine dei lavori è prevista per Natale 2019 – sostiene la consigliera – ma anche questa data non viene rispettata e, durante il consiglio comunale di settembre 2019, viene comunicato che i lavori dovrebbero terminare ad ottobre, evidentemente sotto intendendo ottobre 2020. Negli incontri svoltisi di recente tra i soggetti interessati viene riferito che la fine dei lavori sarebbe prevista per il 2021». Tanta incertezza dunque in una situazione che coinvolge alunni e alunne, genitori e insegnanti con le classi della scuola spalmate in tre plessi diversi» e «quali provvedimenti intende adottare l’amministrazione comunale per garantire un sereno e congruo svolgimento delle lezioni sia agli alunni che agli insegnanti, visto che gli stessi saranno distribuiti su ben 4 plessi distinti della città, anche in vista dei lavori da effettuarsi sul ponte San Carlo, importante via di collegamento tra gli istituti in questione».

A rispondere sulla questione l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi: «Stiamo cercando di estromettere la ditta che aveva in appalto i lavori con cui c’è un contenzioso – sostiene – Successivamente saranno riaffidati i lavori. Oggi stiamo lavorando affinché la scuola possa riprendere l’attività in una sede unica e non su più plessi come l’anno passato. Stiamo valutando alternative diverse e nei prossimi giorni la puntualizzeremo e comunicheremo agli organi scolastici».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.