Scuola Martiri in via Asiago: lettera aperta dei genitori alla Giunta | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Scuola Martiri in via Asiago: lettera aperta dei genitori alla Giunta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Il plesso di via Asiago della scuola Martiri della Libertà è da circa quattro anni un cantiere aperto e i lavori non sembrano avanzare. Denunciano la loro preoccupazione i rappresentanti dei genitori, in una lettera aperta inviata a sindaco e giunta per chiedere informazioni ed esternare dubbi. “La vicenda ha ormai assunto tratti imbarazzanti”, si legge nella lettera, “visti i numerosi annunci sulla ripresa delle attività che però non hanno mai avuto seguito”.

“Le risposte date sembrano tutt’altro che rassicuranti. Da anni ormai ci sentiamo presi in giro, le tempistiche non vengono rispettate, gli operai addetti ai lavori smentiscono e alle organizzazioni sindacali non sono stati forniti chiarimenti precisi sull’evoluzione della situazione”: con queste parole viene espresso il malcontento per rassicurazioni che non hanno mai trovato effettivo riscontro.

Manca la scuola, ma anche una palestra abbastanza capiente per le classi più numerose. Gli studenti non hanno una continuità, vengono spostati di anno in anno in strutture provvisorie, spesso sguarnite di un giardino antistante.

“Arrivati a questo punto non ci interessa lo scaricabarile tra la vecchia ditta e il Comune, né quanto abbia fatto questa giunta sul fronte dell’edilizia scolastica. Vogliamo sapere per quanto ancora dovremo essere ospiti di altre scuole”. Il cambio di plesso ha infatti generato numerosi problemi logistici alle famiglie, che lamentano di essersi adeguate anche a raggiungere il centro storico, disagevole per la maggior parte: “Molti di noi utilizzano la navetta, servizio essenziale per arrivare in centro. Il bacino di pertinenza della Martiri è ampio”.

Nella lettera non vengono tralasciati i lavori ancora da finire in corso Matteotti e nelle piazze: “Abbiamo sopportato i lavori per lo spostamento della fontana che hanno costretto la nostra scuola a prove di evacuazione per la sicurezza di bambini e bambine. Sembra poi che ignoriate la nostra presenza in piazza Federico II. Quando sono cambiati i contenitori della raccolta differenziata la nostra scuola non è nemmeno stata informata e, per alcuni giorni, non ha potuto conferire i rifiuti. Allo stesso modo non ci hanno dato notizie quando, poco prima di Natale, il mercato è tornato in centro città”.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.