Scuola Moie, la dirigente Leone: «La recita di Natale ci sarà, la Natività non offende nessuno»

MOIE – «La recita di Natale ci sarà, non togliendo ma aggiungendo qualcosa in più: così si costruisce la vera inclusione». A parlare è la professoressa Patrizia Leone, dirigente dell’Istituto scolastico ‘Carlo Urbani’ di Moie, intervenuta prtfar chiarezza circa la presunta sospensione del tradizionale spettacolo natalizio dei piccoli allievi dell’asilo «Gianni Rodari» di via Torino. Una scelta presa dagli insegnanti perché «offendeva il credo religioso dei bambini di altra fede». La Leone però smentisce: «Si tratta di una non notizia – spiega -, la divulgazione prematura da parte della stampa di informazioni contenute in una comunicazione interna alla scuola e inoltrata ai genitori, in cui si spiegava, con non troppe parole, le iniziative in programma in vista delle Festività: la proposta era non di una recita ma di canti corali in lingua italiana e inglese, secondo un progetto di integrazione portato avanti da un paio di maestre. Decisione comunque unilaterale e non condivisa ufficialmente dall’Istituto, il verbale era arrivato solo ieri sulla mia scrivania insieme alle segnalazioni di alcuni genitori, tramite rappresentanti di classe». Di regola, l’iter sarebbe proseguito con momenti di confronto tra le famiglie e docenti, riuscendo insieme a trovare la quadra e a maturare una scelta finale che accontentasse tutti. «La notizia – spiega la dirigente – è uscita però sul giornale prima ancora che tutto il percorso di condivisione fosse portato a compimento». A diffondere la non notizia sarebbero stati due o tre genitori isolati che si sarebbero rivolti per proprio conto alla stampa: «Con rammarico apprendiamo l’iniziativa di queste poche persone – continua la Leone -. Il mio compito è difendere i docenti e le loro migliori intenzioni: siamo convinti che il simbolo della Natività natalizia non può nuocere o offendere la sensibilità degli altri. L’Istituto Urbani è stata sempre inclusivo, una realtà scolastica di cui andare fieri». Sono intervenuti, nella conferenza indetta nell’auditorium del nuovo Polo scolastico, la rappresentante di genitori Laura Borroni e anche i tre sindaci dell’Istituto comprensivo Carlo Urbani: oltre al primo cittadino di Maiolati Spontini Tiziano Consoli, c’erano anche quelli di Poggio San Marcello e Castelplanio, rispettivamente Giuseppina Spugni e Fabio Badiali per Castelplanio. Tutti hanno ribadito la serietà, la buona fede e la disponibilità della Dirigente ad affrontare via via i problemi e a coinvolgere insegnanti, famiglie e istituzioni in un percorso di dialogo: «L’inclusione come valore consolidato – fa sapere -. Si è purtroppo creata una spiacevole situazione, la divulgazione di verità parziali che però ci inducono a riflettere sul significato di solidarietà e accoglienza».

In quest’ottica, venerdì 22 novembre la scuola ospiterà nel Polo Mics di Moie la scrittrice Mariapia Veladiano, incontrando genitori, insegnanti e cittadini per presentare il suo libro Parole di scuola, in occasione dei 30 anni della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza: perché sui banchi si impara a vivere e a convivere, quale luogo di integrazione che addestra alla vita intera. (c.c.)

 

1 Commento su Scuola Moie, la dirigente Leone: «La recita di Natale ci sarà, la Natività non offende nessuno»

  1. Non si ha più la capacità di stare al proprio posto. Tutti sappiamo,tutti vogliamo tutti pretendiamo ma tutti danneggiamo. La calma e l’umiltà sono scomparsi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*