Scuola Musica Pergolesi, verifiche dopo il sisma: edificio ok. Cardinali: "Da troppo tempo siamo invisibili per la città" | Password Magazine
Lulù  

Scuola Musica Pergolesi, verifiche dopo il sisma: edificio ok. Cardinali: "Da troppo tempo siamo invisibili per la città"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Le mie parole non vogliono essere oggetto di strumentalizzazione politica ma soltanto la denuncia di come per circa vent’anni siamo rimasti invisibili agli occhi delle Amministrazioni che, in questo arco di tempo, si sono succedute”. Così Sergio Cardinali, direttore artistico della Scuola di Musica G.B. Pergolesi di Jesi, si sfoga tramite il nostro canale di informazione che proprio qualche giorno fa ha pubblicato un articolo relativo ai danni provocati dal terremoto dagli edifici della città. E tra questi c’era anche palazzo San Martino, sede della scuola musicale Pergolesi, di cui abbiamo riportato l’altro giorno la foto di una fessurazione millimetrica, pur precisando che non ci sono rischi di instabilità dell’edificio e che risulta agibile, secondo le verifiche effettuati da tecnici comunali e anche privati.

“Quella crepa è sempre stata lì: sono circa 20 anni che segnalo al Comune la necessità di effettuare interventi di manutenzione al palazzo – fa sapere Sergio Cardinali –  Poi c’è stato il terremoto e finalmente qualcuno si è fatto vedere: sono arrivati i tecnici comunali e, stanza per stanza, hanno ispezionato l’intero edificio. Non è stato rilevato nessun danno preoccupante, esito confermato anche da tecnici privati che abbiamo consultato per scrupolo. Il Comune, proprietario dell’immobile e a cui paghiamo un affitto mensile per l’utilizzo degli spazi, si è davvero impegnato stavolta con noi e a breve eseguirà la posa di tirantature delle facciate. Se non ci fosse stato il terremoto, però, non si sarebbe fatto vedere nessuno”. Anche il tetto della scuola è stato recentemente ispezionato: “I controlli sono arrivati perché qualche mese fa è crollata la copertura dell’edificio adiacente – puntualizza Cardinali  – Nel 2013 avevo già segnalato al Comune, tramite lettere e varie telefonate agli uffici, il problema delle infiltrazioni d’acqua: non ho ottenuto nessuna risposta. E’ dovuto crollare il tetto del palazzo di fianco, tre anni dopo, per avere un riscontro sulla questione. E soltanto dopo questo episodio, hanno eseguito gli interventi”.

Prima ancora di palazzo San Martino, qualche decennio fa,  la sede della scuola G.B. Pergolesi si trovava a Villa Borgognoni: l’edificio all’epoca necessitava di interventi di messa in sicurezza – anche in quel caso sollecitati caldamente da Cardinali –  tanto che all’arrivo del tecnico la Villa fu sgomberata per problemi di stabilità. Dopo un periodo di silenzio da parte dell’Amministrazione di turno, lo staff della scuola si rivolse al Consiglio comunale per avere una nuova sede e finalmente arrivò il trasferimento in Corso Matteotti. “Per gli elevati standard della didattica, godiamo della fiducia e della stima di partner nazionali eppure sul nostro stesso territorio nessuno ci ascolta – aggiunge Cardinali – Di ciò che veicolano i giornali resta impressa solo l’immagine di quella crepa che,  eppure, è lì dal nostro arrivo. Io e il corpo docente siamo un po’ amareggiati: ci sentiamo invisibili. Siamo attivi in questa città da quarant’anni e c’è ancora chi non sa cosa accade qui dentro. Non ne faccio una questione politica – metto anzi tutte le Amministrazioni con cui mi sono interfacciato sullo stesso piano –  ma di una mentalità diffusa che presta poca attenzione alla cultura che riguarda i giovani”.

 

Chiara Cascio

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.