Scuola “Paolo Borsellino Ex Savoia”: a dicembre l’inaugurazione della nuova targa

Istituto "Lorenzo Lotto" dove ha sede anche la scuola "Duca Amedeo di Savoia"

JESI –  La proposta per la nuova intitolazione della scuola secondaria “Duca Amedeo di Savoia” è stata accolta favorevolmente dagli organi competenti: da dicembre si chiamerà “Paolo Borsellino Ex Savoia”.

L’iniziativa è stata approvata all’unanimità dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio di istituto nel mese di ottobre dello scorso anno e si inaugurerà presumibilmente nel mese di dicembre. La principale motivazione del cambio di nome risiede nella filosofia della scuola e dei suoi insegnanti: “Parlare ai ragazzi di legalità e di rispetto della diversità, in tutti i sensi, e dell’accoglienza è il nostro pane quotidiano – commenta la dirigente Maria Rita Fiordelmondo – e volevamo lanciare un forte messaggio in questo senso, attraverso un segno evidente e riconoscibile e far capire che la nostra scuola è in prima linea per la lotta alla mafia”. Intitolare la scuola a Borsellino è stata una scelta ponderata e studiata: “Volevamo sottolineare il grande amore che Borsellino aveva per i giovani – spiega l’insegnante Maria Teresa Mancia – e l’impegno che metteva nel combattere la mafia attraverso una sensibilizzazione al cambiamento rivolta ai più piccoli”.

Il cambio targa avverrà con un evento ufficiale al quale parteciperà anche Salvatore Borsellino, fratello del magistrato, insieme ad altre personalità impegnate nel contrastare i fenomeni mafiosi e all’Amministrazione comunale. La scuola ha da sempre portato avanti il discorso della lotta alla mafia grazie anche alle collaborazioni con Agende Rosse e Libera, e ospitato personaggi come Marisa Garofalo e l’imprenditore Gaetano Saffioti che rifiutò di pagare il pizzo alla mafia. “Inoltre – prosegue la dirigente – abbiamo dedicato una sezione della biblioteca d’Istituto a letture incentrate sulla legalità e sulla lotta alla mafia, e il primo libro che ci è stato donato è stato proprio quello di Gaetano Saffioti”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*