Scuole montessoriane a Jesi, avviato l'iter per materna e primaria | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Scuole montessoriane a Jesi, avviato l’iter per materna e primaria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il metodo montessoriano al centro dell’incontro organizzato ieri pomeriggio presso la Fondazione Angelo Colocci, dal titolo «Maria Montessori parla ai genitori». L’evento, organizzato dal Comune di Jesi, ha visto la partecipazione dell’assessore alle Politiche educative Marisa Campanelli, insegnanti ed esperti che, all’occasione, hanno illustrato un volume che raccoglie 11 conferenze inedite dell’educatrice chiaravallese.
Un momento anche per incontrare le famiglie e far conoscere il metodo, in vista della realizzazione di un polo montessoriano a Jesi.

La proposta arriva proprio dall’assessore Campanelli che ha già individuato possibili strutture. Già dall’anno accademico 2020/2021, anche se l’iter è piuttosto complesso, potrebbero nascere in città una scuola materna e una primaria basate sul metodo Montessori.

«Sono diverse ragioni che ci spingono a prendere in considerazione questa direzione – spiega l’assessore Campanelli – In primo luogo, ampliare l’offerta formativa e creare nuove possibilità di sviluppo. Introdurre un polo a Jesi attirerebbe verso le nostre scuole tutte quelle famiglie che, interessate, sono costrette a rivolgersi altrove: senza contare che le neuroscienze hanno confermato l’efficacia del sistema montessoriano, capace di stimolare nei bambini empatia e autonomia». Due le scuole che potrebbero diventare d’impronta montessoriana, individuate anche per idoneità di spazi: «Per la scuola elementare, si è ipotizzato il Mestica – spiega l’assessore -. Di fatto, è quella che soffre di più in termini di nuove iscrizioni: sono poco più di 15 i piccoli allievi che da lunedì frequenteranno la prima, la soglia minima per una classe». Se il numero calasse ancora, i bambini verrebbero dirottati verso altri istituti e la scuola Mestica, con il tempo, rischierebbe di chiudere: «Introdurvi il metodo montessoriano servirà invece a valorizzarla e a potenziarla, garantendone l’attività».

Per la materna, si sta pensando invece all’Istituto Federico II, nel quartiere multietnico San Giuseppe, «essendo il metodo – precisa la Campanelli – capace di favorire relazioni e integrazione». Ma il percorso è ancora lungo e i primi chiamati ad esprimersi saranno i Consigli di Istituto. Accettare di applicare l’insegnamento montessoriano significa avvalersi di insegnanti che hanno acquisito il metodo e investire risorse per acquistare il materiale didattico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.