«Se non fosse morta, non se ne parlerebbe» | Password Magazine

«Se non fosse morta, non se ne parlerebbe»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Si prende una corda o un cavo. Talvolta, si è visto, c’è anche qualcuno che utilizza il braccio di un’altra persona. Poi, davanti allo schermo dello smartphone, questi oggetti – o arti – vengono stretti intorno al collo, e alla fine, chi resiste di più vince. Sono le regole della Blackout challenge, la sfida a chi resiste di più al soffocamento lanciata su Tik Tok e che, giovedì, presumibilmente, ha provocato a Palermo la morte di Antonella, una bambina di dieci anni.

Secondo la Procura del capoluogo siciliano, la causa del decesso è suicidio, ma come spiega Repubblica, ci sono stati sviluppi nelle indagini e starebbero emergendo nuove e varie ipotesi.

Dopo la vicenda, il Garante per la Privacy ha disposto “nei confronti di Tik Tok il blocco immediato dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica” – così si legge su una nota dell’Autorità. In questo modo, da adesso in poi, se non sarà possibile accertare l’età degli utenti (in teoria non possono iscriversi i minori di 13 anni) per loro non sarà possibile registrarsi. Questa modifica di Tik Tok lo bloccherà fino al 15 febbraio.

Ma la gravità dell’evento non è solo relativa alla morte di Antonella – i cui organi, come spiega il Giornale di Sicilia, sono stati donati dalla famiglia e salveranno la vita di tre bambini -, quanto l’etica della privacy, della supervisione e dell’accesso a questi mezzi.

stories social

DI CHE COSA PARLIAMO – La Blackout Challange è un parente della Blue Whale, la sfida – tutta online – attiva qualche anno fa in cui centinaia di adolescenti rischiavano la vita con delle assurde prove di coraggio, tipo tagliarsi le vene o saltare da una certa altezza. Oggi, con la Balckout Challenge, il meccanismo – macabro – è lo stesso. Solo che, Tik Tok, adesso, è più di moda. L’app cinese è stata la seconda applicazione gratis più popolare del 2019 ed è al momento scaricata da più di 209 milioni di utenti; la maggior parte appartengono alla Generazione Z (soggetti nati fra il 1997 e il 2010) e alla Generazione Alfa (i nati dal 2010 in poi). Si registrano video, si mandano filmati, si cantano cover e si recitano scene o balletti. Addison Rae, studentessa americana di 20 anni , grazie a Tik Tok ha guadagnato 5 milioni di dollari – soldi che arrivano da pubblicità, product placement, sponsorizzazioni, donazioni.

@addisonre

Idk this dance at all so here’s that @yvnggprince

♬ Adderall (Corvette Corvette) – Remix – Popp Hunna

Ma è triste che, dietro canzoni, balli e voci squillanti possa nascondersi l’ombra dell’esclusione e della popolarità, come ha spiegato la dottoressa Roberta Patané. Tik Tok, infatti, può essere semplicemente uno strumento di divertimento o una piattaforma informativa (alcune televisioni o giornalisti lo utilizzano come canale comunicativo), ma, come tutti i social, a volte, può rappresentare anche un rifugio per personalità in difficoltà, uno strumento di evasione, un modo per provare emozioni, ricercare popolarità e non solo. Purtroppo è un meccanismo già noto e funziona così da più di un decennio (cioè, da quando esistono i “social”).

Se Tik Tok è il social preda dei teenager, e quindi di minorenni, non è possibile che muoia una bambina di 10 anni.

É lo smascheramento di un sistema per cui tutti possono fare tutto, perché come si inganna il mondo con una finta personalità, così si può ingannare il controllo anagrafico. Per questo, nonostante il dramma di Antonella, il fatto che si metta un controllo maggiore a Tik Tok è una buona notizia. Ma a questo punto ci si chiede se è normale che, ancora oggi e dopo altri casi simili, ce ne si accorga solo adesso, con un cadavere. Che è servito come innesco tremendo per illustrare la sottoveste illecita e malsana in cui possono intrecciarsi social, popolarità e teenager. E ancora una volta – dopo le morti della Blue Whale – si arriva tardi, e qualcuno piange.

Ma non è come nei social. Stavolta per davvero.

A cura di Riccardo Belardinelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.