Sedazione profonda, dal Carlo Urbani il dott. Bernacconi: «Un atto etico e dovuto»

JESI – La sedazione profonda come uno strumento che permettere ai medici di agire per il bene del paziente, quando non è più in grado di manifestare la propria volontà. Quando la malattia gli impedisce ormai di esprimere quanto stia soffrendo. A parlarne è il Dott. Tonino Bernacconi, Direttore dell’Unità Operativa di Anestesia, Terapia Intensiva ed Analgesia dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi, durante il Consiglio comunale di ieri, su invito del presidente Daniele Massaccesi e presentato dall’assessora alla Sanità Maria Luisa Quaglieri. 

Il tema è saltato agli onori delle cronache con il messaggio diffuso da Marina Ripa di Meana in fin di vita: «Fatelo sapere», erano state le sue ultime parole prima di addormentarsi per sempre.

«L’intervento palliativo è un atto terapeutico con cui si vuole liberare il malato dalla sofferenza. L’eutanasia, invece, è un concetto filosofico con cui si intende la volontà di porre fine alla vita attraverso un farmaco, su esplicita richiesta del malato. Per farlo, occorre rivolgersi a strutture svizzere  – ha spiegato il Dott. Bernacconi – La sedazione profonda è la somministrazione di un farmaco che induce il paziente in uno stato di sonno profondo: anche l’ospedale di Jesi permettere di mettere in pratica queste funzioni che, oggi, sono previste dalla legge».

In Italia, il 17 dicembre scorso è stata introdotta la normativa sulle Disposizioni anticipate di trattamento, entrata in vigore il 31 gennaio 2018 con la legge n. 219/2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.

Il testamento biologico prevede la possibilità di decidere in anticipo e per iscritto a quali cure sottoporsi in caso di insorgenza di gravi patologie. Con il testamento biologico la persona compie una scelta proiettata nel futuro, fondata sul principio di autodeterminazione, in particolare sulla possibilità di ricevere o rifiutare determinati trattamenti sanitari previsti dalle cure palliative, anche indispensabili per la sopravvivenza: si mette l’accento sulla prevalenza del volere del malato.

Tutte le procedure terapeutiche che rientrano nelle cosiddette cure palliative, compresa la sedazione profonda, sono lecite dal punto di vista legale, giuridico e deontologico.
E con la legge sul testamento biologico che regolamenta la possibilità di decidere in anticipo e per iscritto a quali cure sottoporsi in caso di insorgenza di gravi patologie, la sedazione palliativa profonda introdotta dalla legge 38, oltre che un diritto di tutti i cittadini, diventa un dovere per ogni struttura sanitaria e per ogni medico.

«La sedazione è un sonno analgesico: il paziente si addormenta senza sofferenze. Un atto etico e dovuto  – spiega Bernacconi –  Oggi è un obbligo di legge: come medici siamo tenuti a non far soffrire le persone»..

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*