«Semafori vecchi e da sostituire, primi interventi entro l’anno»

JESI – «Il collasso degli impianti semaforici è dovuto al raggiungimento del ciclo di fine vita degli stessi in quanto sono molto datati, realizzati negli anni ’70/’80. Non hanno bisogno di manutenzione ma bensì di una totale sostituzione in quanto essendo fuori produzione è difficile reperire pezzi di ricambio e centraline».

Così l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi in risposta all’interrogazione posta da Andrea Binci (PD), nello scorso consiglio comunale.

Il consigliere ha messo in evidenza alcuni dei recenti guasti della rete semaforica come quello in via Paladini, via Gramsci e l’incrocio tra via San Giuseppe e viale del Lavoro, scena di un grave incidente che ha visto anche l’intervento dell’eliambulanza.

«In più punti della città – ha detto Binci- ci sono incroci di un certo rilievo. Vanno bene i cartelli temporanei ma poi il problema va risolto. La soluzione ideale sarebbe l’installazione di diverse rotatorie nei punti più strategici».

Nell’interrogazione Binci chiede anche all’Amministrazione come intende procedere proprio sul fronte rotatorie e quando verrà completata quella in via Ancona da molto tempo in sperimentazione.

«I semafori sono vecchi – ha ribadito Renzi- e vanno rimpiazzati con quelli di nuova generazione. Il Comune ha avviato un piano di manutenzione straordinaria con la sostituzione entro l’anno di cinque impianti semaforici, su dodici presenti in città, attrezzati per persone disabili. Questo intervento comporta un investimento abbastanza corposo, ma va sostenuto».

«Per le rotatorie invece – ha spiegato l’assessore – stiamo lavorando a un piano di mobilità perché l’intervento non può essere effettuato solo su un solo incrocio ma su una serie di crocevia in modo tale da coordinare tutti i flussi stradali».

Il consigliere Binci prendendo atto della risposta, ha sottolineato il fatto che sarebbe il caso di tenere dei pezzi di ricambio dei semafori in attesa della loro sostituzione, inoltre per quanto riguarda le rotatorie risulterebbe utile a tutti vedere, una volta pronto, il Piano del Traffico per capire come e dove verranno fatte.

A cura di Emanuel Santoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*