Senigallia, diecimila tonnellate di detriti sulla spiaggia di velluto | | Password Magazine

Senigallia, diecimila tonnellate di detriti sulla spiaggia di velluto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SENIGALLIA – Sono finite al centro dell’attenzione mediatica le diecimila tonnellate di materiale spiaggiato lungo il litorale di Senigallia: alberi, trinciato, tronchi, falciature. Materiale vegetale ma che deturpa inevitabilmente il paesaggio nei circa 14 chilometri di costa.

Stamattina, la trasmissione mattutina di Rai 3 Agorà ha dedicato alla questione un proprio servizio.

“Stiamo lavorando per garantire entro Pasqua la pulizia dell’intera spiaggia in modo da non pregiudicare l’avvio della stagione turistica – ha detto alle telecamere il sindaco Maurizio Mangialardi –  Si tratterà poi di risolvere la questione sotto l’aspetto finanziario ma, come ho avuto modo di dire nei giorni scorsi, lo smaltimento di queste 10 mila tonnellate di detriti vegetali non può essere gestito dalla sola Amministrazione comunale”.

Ammonta a oltre un milione di euro la cifra che il Comune dovrebbe affrontare per la rimozione dei detriti spiaggiati, più i costi per i trasporti: una spesa enorme per l’Amministrazione comunale che ha chiesto alla Regione la verifica per lo stato di calamità spiaggia di velluto che assomiglia più a una palude, dopo le mareggiate di inizio marzo.

Già nell’ultimo bilancio, il Comune è dovuto ricorrere all’aumento della Tari per far fronte alle mareggiate degli scorsi anni: “Un ulteriore aumento in bolletta non è ipotizzabile – afferma il sindaco – Per questo motivo ci siamo rivolti alla Regione Marche, chiedendo la verifica dello stato di calamità. Anche perché la quantità dei materiali spiaggiati è cresciuta in maniera esponenziale, passando da circa 500 tonnellate l’anno alle attuali 10 mila”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.