Senigallia dopo il lockdown, Mangialardi: «Movida sicura». | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Senigallia dopo il lockdown, Mangialardi: «Movida sicura».

SENIGALLIA – «Il centro storico e il lungomare sono tornati a riempirsi di persone, permettendo così alle tante attività economiche rimaste chiuse negli ultimi due mesi e mezzo di riprendere a lavorare. Un segnale incoraggiante, una vera e propria iniezione di fiducia e speranza che ci fa ben sperare per l’avvio della stagione estiva».
Così il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi commenta il primo fine settimana dopo il lockdown. Il primo cittadino si dice soddisfatto perché «viene così premiato l’impegno dell’Amministrazione comunale per sostenere ristoratori ed esercenti attraverso la gratuità dell’occupazione del suolo pubblico e soprattutto della sua estensione, che ha permesso ai vari locali di adeguarsi alle prescrizioni previste dai protocolli di sicurezza».
Un encomio poi alla stragrande maggioranza dei gestori e dei titolari di attività: «Come ho potuto verificare di persona – fa sapere Mangialardi – si sono dedicati con particolare cura e attenzione al ligio rispetto delle norme anti Covid. Un rigore improntato a offrire una movida sicura che potrebbe perfino diventare una carta vincente per rendere ancora più competitivi i nostri operatori economici. Anche per questo mi sento di rivolgere un invito a tutti, giovani e non: cerchiamo di attenerci alle poche regole che ci sono, evitiamo assembramenti, selfie di gruppo e tutte quelle situazioni che non garantiscono il corretto distanziamento sociale di almeno un metro, sia al chiuso che all’aperto. Facciamolo per la nostra salute, ma anche per chi con tanta fatica, coraggio e passione sta riprendendo finalmente a lavorare. Un ringraziamento particolare, poi, mi sia consentito farlo ai volontari della Protezione civile, che per tutto il week end si sono adoperati proprio per vigilare sulla corretta osservazione delle prescrizioni previste».

«Voglio essere fiducioso – aggiunge poi il sindaco – sul fatto che alla fine il senso di responsabilità prevarrà e che non sarà necessario tornare indietro sui provvedimenti di riapertura fin qui presi. Tuttavia, a livello regionale, grazie anche al prezioso ausilio delle forze dell’ordine, stiamo monitorando l’evolversi del quadro complessivo. Va da sé che se dovessimo riscontrare un mancato rispetto delle norme, potrebbe diventare inevitabile prendere provvedimenti restrittivi, a partire dalla riduzione degli orari di apertura dei locali».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.