Senza revisione o assicurazione: fermate 16 auto in una settimana | Password Magazine

Senza revisione o assicurazione: fermate 16 auto in una settimana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è rivelata davvero prudente la scelta dell’Amministrazione comunale di puntare – nel momento in cui si doveva decidere l’acquisto di nuove attrezzature per la Polizia Municipale – su strumenti per la tutela della sicurezza dei cittadini piuttosto che sui tradizionali autovelox.

Nella prima settimana di utilizzo della nuova apparecchiatura in grado di verificare se un’auto sia sprovvista di assicurazione o non abbia la revisione, infatti, si sono registrati risultati sorprendenti: ben 16 veicoli in difetto, di cui 14 senza revisione nei termini stabiliti dalla legge e 2 sprovvisti di assicurazione. Nei primi casi si è provveduto ad elevare una sanzione di circa 130 euro con obbligo di documentazione della celere revisione del veicolo; nei secondi casi, quelli di auto non assicurate, la Polizia Municipale ha provveduto al sequestro del mezzo e a comminare una sanzione di circa 800 euro.

I controlli sono stati effettuati in tre distinti giorni, con un utilizzo dell’apparecchiatura per un’ora e mezzo a turno. L’alto numero di veicoli in difetto testimonia come questi due fenomeni siano purtroppo diffusi anche nella nostra città, a grave pericolo sia di chi è al volante di tali mezzi, sia degli altri utenti della strada.

L’Amministrazione comunale confida nel fatto che, anche grazie a questo nuovo strumento in dotazione della Polizia Municipale, gli automobilisti prendano pienamente coscienza della pericolosità di viaggiare con veicoli senza revisione o, peggio, sprovvisti di assicurazione.

I controlli ovviamente proseguiranno a ritmi sempre più intensi, con l’obiettivo di garantire una maggiore sicurezza ai cittadini.

“Vi lascio immaginare cosa significa essere coinvolti in un incidente dove vi è un’auto non assicurata o quale rischio può arrecare un veicolo non revisionato al conducente e agli altri” aveva sottolineato il sindaco Massimo Bacci nel presentare questa iniziativa attraverso la quale, per altro, la pattuglia è in grado di fermare immediatamente l’automobilista, contestare l’infrazione e verificare se effettivamente i documenti che ha con sé confermano quanto è riportato sulle banche dati della Motorizzazione Civile e delle agenzie di assicurazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.